Martedì, 15 Giugno 2021
Sport

Cessione Bari Calcio: il comunicato della Meleam

Dopo l'improvviso e inspiegabile stop alla trattativa fra Meleam(e partners) e famiglia Matarrese per la cessione della società biancorossa, l'azienda bitontina espone in un comunicato stampa le motivazioni

La Meleam esce allo scoperto: l'azienda bitontina, assieme ad altri partners ignoti, da svariate settimane in trattativa con la famiglia Matarrese per l'acquisto del Bari Calcio, ha da poco diffuso un comunicato nel quale svela i perchè del brusco e inspiegabile stop della settimana scorsa. Lunedì 19 dicembre, infatti, con un comunicato ufficiale apparso sul sito della società biancorossa, la Salvatore Matarrese S.p.a. e la Debar Costruzioni S.p.a annunciavano la chiusura con esito negativo di quello che poteva essere il passaggio di consegne al vertice della società di via Torrebella. Una mossa che creava stupore e confusione visto che, in maniera quasi concomitante, la Meleam annunciava che la trattativa, in realtà, era ancora in piedi.

Oggi, quindi, pare che il dilemma sia stato risolto grazie all'intervento della Meleam che spiega i motivi dello stop al dialogo con i Matarrese. Questo il comunicato integrale dell'azienda e dei suoi partners in gioco:

La Meleam S.p.A., in seguito alle ingiuste affermazioni mediatiche (in particolar modo la trasmissione "Punto Calcio" di telenorba del giorno 19 dicembre) ed al comunicato dell'AS Bari dello stesso 19 dicembre, si trova costretta a precisare quanto segue:
1 - L'AS Bari dovrebbe essere in vendita a costo zero. Ma dai bilanci pubblici, regolarmente depositati, risulta un debito dell'AS Bari verso la Salvatore Matarrese SpA. Chi compra l'AS Bari, oltre ad accollarsi tutta la situazione economica, deve pagare alla Salvatore Matarrese SpA questo costo, sotto forma di debito. Nella prima bozza di preliminare presentato alla Meleam veniva posta come condizione prioritaria assoluta il pagamento immediato del debito alla Salvatore Matarrese SpA motivo per cui la Meleam ha rifiutato di firmarlo, considerando molto più' urgenti pagamenti di stipendi ai calciatori e altri arretrati;
2 - La caparra non è stata versata in quanto si tratta di acquistare una società che per ammissione pubblica di tutti, al momento è fortemente indebitata. Avremmo accettato di versare la caparra penitenziale (cioè se uno si ritira senza motivo, perde il versato) solo nel caso in cui l'avesse versata anche la proprietà. La proprietà ha sempre rifiutato. Nell'ultimo accordo, quello che si sarebbe dovuto firmare in questi giorni, le parti avevano concordato che la Meleam avrebbre versato una somma che per l'attuale proprietà doveva servire per i presunti crediti della Salvatore Matarrese SpA mentre la Meleam ha “osato” chiedere che tale somma sarebbe dovuta essere utilizzata per gli stipendi dei calciatori;
3 - A novembre, nel noto episodio del pagamento degli stipendi arretrati, la Meleam e i partners hanno comunicato la disponibilità immediata a versare la somma per il pagamento degli stessi. Questo versamento si poteva intendere anche come forma di caparra, ma almeno in questo caso avrebbe avuto un'utilità. La proprietà, come hanno riportato tutti gli organi di stampa, ha rifiutato ed ha preferito una ennesima garanzia sui soldi della Lega, rendendo ancora più difficile la situazione debitoria;
4 - Nella documentazione consegnata per la due diligence mancano almeno 5 pagine intere di bilancio: tutta la situazione giuridica con i dipendenti ma soprattutto mancano completamente i contratti dei calciatori e le fideiussioni che la Meleam dovrebbe sostituire. Materiale non consegnato neanche dopo esplicita richiesta. Come si fa a sostituirsi a fideiussioni senza sapere se si tratta di 2 (due) oppure 30 (trenta) milioni? Come si fa ad acquistare una società senza neanche sapere con certezza quali sono i calciatori di proprietà, gli ingaggi e le scadenze?
5 - L'AS Bari, è sempre stata a conoscenza degli imprenditori che affiancano la Meleam in questa trattativa. Proprio alla comunicazione delle credenziali abbiamo avuto la documentazione per la due diligence, che altrimenti mai sarebbe stata consegnata. Se fosse stato vero il contrario (così come affermato dalla controparte ed ampiamente riportato sugli organi di stampa), la famiglia Matarrese avrebbe consegnato tutta la documentazione a “squattrinati imbroglioni”: ipotesi onestamente poco credibile. In realtà tali aziende partners (in particolar modo per motivi professionali o geografici), anche considerati i precedenti, non hanno categoricamente voluto contatti diretti con la proprietà, per evitare eventuali pressioni, imbarazzanti discussioni e possibili forme di condizionamento psicologico. In ogni caso la Meleam e partners acquistando l'AS Bari con regolare atto notarile, assumerebbe in toto tutta la situazione debitoria (con relative fideiussioni) liberando così totalmente l'attuale proprietà da tutte le responsabilità economiche, nessuna esclusa. Non si comprende quindi tutta questa ostinazione;
6 – Calcio scommesse. La mattina del 19 dicembre scoppia l’ondata giudiziaria del calcio scommesse. Alle 13.19 con un comunicato ANSA , l’A.D. dell'AS Bari Calcio, dott. Garzelli si dichiara molto preoccupato. Riteniamo che chiedere qualche spiegazione in merito da parte della Meleam era legittimo ed assolutamente logico, soprattutto in seguito alle esternate preoccupazioni dell'Amministratore Delegato della società che si sta per acquistare;
Si precisa ancora che per la fatidica data del 19 dicembre (con accordo tra le parti) era previsto presso lo studio professionale incaricato dalla famiglia Matarrese un incontro definitivo per chiarire ultime divergenze e concordare tempistica (cose meramente organizzative e logistiche); non certo per la firma dell’atto definitivo. Sempre che all’interno dello studio professionale coinvolto dai Matarrese non praticasse la sua attività anche un notaio. Cosa che allo stato non corrisponde alla realtà.
Appare logico che la trattativa è stata interrotta per esclusiva volontà della attuale proprietà e qualunque tentativo di far ricadere la responsabilità sulla Meleam non potrà mai essere supportato nè dai fatti nè dalla logica.
Per rafforzare la tesi la Meleam si dice disposta in qualunque momento ad acquisire, in parte od in toto, le quote azionarie dell'AS Bari attraverso l’intervento diretto di un garante, anche istituzionale.
Le condizioni rimarranno invariate nella forma e nella sostanza vanno così sintetizzate pubblicamente:
1) il cash da versare dinanzi il notaio alla sigla del definitivo dovrà essere utilizzato al pagamento dello ‘’stipendio’’ dei calciatori e non per soddisfare crediti della famiglia Matarrese;
2) Invio dei documenti mancanti per chiudere con giustezza la due-diligence (contratti dei giocatori, elenco fideiussioni a cui sostituirsi).
La Meleam e partners si dichiarano pronti a qualsiasi forma di confronto pubblico democratico e paritario, speranzosi di avere pari possibilità di presenza e pari “peso” e dignità presso gli organi di informazione.

Meleam & partners

Un comunicato, in parole povere, chiaro e diretto con il quale la Meleam esplica a chiare lettere i motivi della chiusura della trattativa ma, al contempo, si dice ancora pronta a rilevare la società biancorossa. Il tutto, ovviamente, alle condizioni espresse negli ultimi due punti del comunicato stesso e non a quelle emerse nella prima parte dell'annuncio. Il ping pong è ripreso: i tifosi biancorossi sperano ancora che il vincitore della partita, dopo quasi un trentennio di 'dominio Matarrese', possa quindi cambiare...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cessione Bari Calcio: il comunicato della Meleam

BariToday è in caricamento