menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabio Grosso

Fabio Grosso

FC Bari, Grosso: "A Novara serve una gara matura. Ho a disposizione un gran gruppo"

Il tecnico dei galletti è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara con i piemontesi: Dobbiamo invertire la rotta in trasferta e proveremo a farlo già da Novara"

Il quindicesimo turno di serie B porterà il Bari sul campo del Novara. Quella del Piola sarà la settima uscita lontano dalle mura amiche per i galletti, che finora non hanno mai vinto in trasferta rimediando quattro sconfitte e solo due pareggi.

Uno score deficitario che i pugliesi si portano dietro dalla scorsa stagione, in totale controtendenza con il rendimento avuto davanti al pubblico del San Nicola, lì dove sono arrivati 21 dei 23 punti in classifica. Cercare di affrontare le gare esterne con lo stesso spirito di quelle casalinghe è dunque il primo obiettivo per Fabio Grosso, intervenuto in mattinata per presentare la gara con i piemontesi.

"Andremo a Novara per fare una partita come le altre, nel senso che cerchiamo sempre la vittoria - ha esordito il tecnico biancorosso -. Quello di domani è un avversario difficile, sappiamo quali insidie può nascondere questa partita, quindi non partiamo a spron battuto. Andiamo lì a fare una gara matura nella quale dovremo essere bravi a saper resistere nei momenti negativi per poter proporre poi nei frangenti a noi favorevoli". 

Novara squadra imprevedibile

L'occasione di domani è molto ghiotta per i galletti: il Novara, infatti, è una delle squadre con il peggior rendimento casalingo con 2 sole vittorie in 6 partite davanti al proprio pubblico. Al tempo stesso, però, è una squadra che è stata in grado di battere Frosinone e Palermo, rispettivamente prima e seconda forza del torneo cadetto. Grosso tuttavia, preferisce concentrarsi sulle vicende dei suoi: "Non ci interessa quello che fanno gli altri. Migliorando i dettagli saremmo usciti da diversi campi con dei punti. Corini? Lo stimo e lo rispetto, abbiamo vissuto momenti bellissimi insieme. conosco le sue qualità, sarà un piacere poterlo incontrare di nuovo".

Gli indisponibili per la gara di domani

Domani a Novara mancheranno diversi elementi, un'eventualità che tuttavia non preoccupa eccessivamente Grosso, che può comunque consolarsi col rientro di Basha. "Abbiamo fuori Marrone, D'Elia, Morleo e Capradossi. Gli altri, invece, sono tutti a disposizione. Nelle prossime due settimane abbiamo quattro gare, è importante avere tutti a disposizione. Fuori casa dobbiamo far meglio, non solo sotto il punto di vista della prestazione. Ci vuole una partita matura, quando siamo sotto pressione raramente siamo in grado di venire fuori subito. Dobbiamo migliorare in questo, provare a fare ciò che sappiamo fare senza concedere troppo". 

Le difficoltà fuori casa dei biancorossi

Provare a debellare il tabù trasferta è essenziale per continuare a puntare in alto: "Il fatto che si parli tanto delle nostre difficoltà in trasferta ci mette pressione ma dico ai ragazzi che non conta giocare dentro o fuori - ha detto a tal proposito il tecnico -. Le nostre certezze non devono dipendere dal pubblico ma dal fatto che dobbiamo sapere che siamo forti. Le prestazioni offerte fin qui fuori casa non corrispondono ai risultati ottenut. Dobbiamo invertire la rotta, vogliamo dare continuità e proveremo a farlo già da Novara. Siamo in un momento in positivo, mi auguro che i ragazzi abbiano raggiunto una maturità tale che ci possa permettere di replicare le ultime prestazioni. Le vittorie aiutano a poter lavorare con serenità ma non devono essere un tranello. Serenità non deve voler dire tranquillità, dobbiamo metterci rispetto".

Da chi e cosa ripartire per curare I mali dell'Italia calcistica

A Grosso, eroe del Mondiale vinto dall'Italia nel 2006, è stato chiesto anche un parere su cosa serva al movimento calcistico italiano per potersi riprendere dopo la tremenda mazzata dell'esclusione da Russia 2018. "Si è parlato tanto, forse troppo - ha detto -. Abbiamo bisogno di fare dei passi in avanti, ne abbiamo fatti pochi, è sotto gli occhi di tutti. Mi auguro ci siano persone adatte per poter risollevare un movimento in difficoltà. Ci sono buoni giocatori per ripartire, è stata una delusione grande per tutti"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento