FC Bari, Grosso: "Contro il Perugia per ottenere un risultato importante fuori casa"

Il tecnico dei galletti ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro gli umbri: "Vogliamo cancellare le prestazioni contro Entella e Palermo. Fondamentale trovare i giusti equilibri"

Rialzarsi dopo le due batoste consecutive contro Entella e Palermo e tornare a correre. E' questo l'obiettivo del Bari, impegnato domani pomeriggio in una difficile trasferta sul campo del Perugia. Soltanto una settimana fa i galletti avevano la possibilità di balzare in testa alla classifica di Serie B, mentre ora si ritrovano a dover far risultato su un campo difficile come quello degli umbri per non perdere contatto con le rivali.

Al Curi non sarà una sfida per nulla semplice: i grifoni dopo una lunga striscia di sconfitte hanno ritrovato risultati positivi, spesso realizzando reti decisive negli ultimi istanti dell'incontro: "E' il segnale di una squadra che non molla e ci crede fino alla fine - ha commentato Fabio Grosso in conferenza stampa -. Nel finale ne hanno riacciuffata o vinta più di una. Conosciamo bene le loro qualità, hanno ottime individualità e un buon collettivo. Da domani proveremo per l'ennesima volta ad ottenere un risultato importante fuori casa, dove finora abbiamo ottenuto meno del previsto". Come la settimana scorsa contro il Palermo, il tecnico dei galletti ritroverà una squadra a cui è stato legato da calciatore: "Perugia è un posto al quale mi legano ricordi bellissimi, vale lo stesso discorso di Palermo. Li ho passato tre anni, è stato l'inizio di tutto. Sono stato benissimo con la città, i tifosi l'ambiente. Domani però sarò avversario e proverò a fare risultato".

Gli indisponibili e le condizioni della squadra

Contro gli umbri tornerà Micai ma è ancora in dubbio la presenza di Brienza: "Franco era ancora un po' debole ieri, dobbiamo valutarlo. Mancheranno di sicuro gli infortunati Morleo, Anderson e Gyomber. Sappiamo che c'è da fare una grande gara. Fuori casa non sempre ci è riuscito quanto avremmo voluto. Non penso che i risultati siano determinati dagli interpreti, quanto dalla voglia che mette chi va in campo. Sabelli e D'Elia? Nella scorsa partita avevano i 90' nelle gambe, non averli schierati è stata una scelta dettata dall'avversario. Sono scelte che faccio tenendo conto della condizione e di chi affrontiamo. Pensavo di aver schierato i migliori per quella partita". Nessuna indicazione sulla formazione di domani: "Voglio ancora mantenere un po' di riserbo su chi scenderà in campo visto il valore dell'avversario. Kozak? Ne parlerò sempre bene, è un grandissimo professionista, ci vuole tempo ma sta mettendo ogni goccia di sudore per tornare al meglio. Sta trovando piccoli spazi, la cosa fondamentale è che tutti abbiano voglia di giocare. Così potremo toglierci soddisfazioni". 

La ricerca dell'equilibrio

In molti sono convinti che il calo del Bari nelle ultime due partite (a onor del vero, anche contro il Foggia, nonostante la vittoria la squadra non era apparsa brillantissima ndr) sia da ascrivere a una sorta di appagamento per aver raggiunto le zone nobilissime della classifica. Grosso, tuttavia, continua a sostenere che i suoi debbano giocare senza pensare alla posizione occupata. "La nostra forza deve essere quella di provare a migliorare a prescindere dal posto che occupiamo in classifica. Per noi la cosa importante è mantenere l'equilibrio. Non è semplice, anzi è l'aspetto più complicato. Non ci siamo mai sentiti in dovere di promettere nulla, il campionato è lungo. Vogliamo prestazioni migliori delle gare con Entella e Palermo. Abbiamo avuto le occasioni per rimetterla in piedi, non ci siamo riusciti. Nel nostro ambiente è complicato, bisogna ottenere risultati tutti insieme. Ci saranno tante partite di qui alla fine, tutte saranno importanti ad arrivare a qualche gara determinante. Io provo sempre a lavorare sul piano psicologico. Quando vinci rischi di andare per aria, quando perdi rischi di farti male. Mi piace parlare con i ragazzi, fargli capire che serve equilibrio". La gara col Palermo non ha lasciato strascichi: "E' stato uno scontro al vertice, sappiamo cosa hanno fatto altri, sappiamo cosa abbiamo fatto noi, è un campionato difficile. Questo sul terreno non influisce. Alla lunga proveremo ad essere presenti, provando a grattare qualche posizione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento