Fc Bari, la Procura chiede sequestro di crediti per 1,3 milioni. Da Giancaspro istanza per il concordato preventivo

L'istanza depositata al tribunale fallimentare: sono i crediti che la società vanta verso la Lega Calcio per la vendita di tre giocatori. Dalla società il tentativo per evitare il fallimento

Sequestrare il credito da 1,3 milioni vantato dalla Fc Bari 1908 di Giancaspro nei confronti della Lega Calcio. E' questa la richiesta avanzata oggi dalla Procura di Bari nel corso dell'udienza che si è tenuta davanti alla sezione fallimentare del Tribunale di Bari, che dovrà pronunciarsi sulla richiesta di fallimento del Bari calcio.

I crediti della FC Bari

La somma per cui i pm - Giuseppe Dentamaro e Clarissa Latella, che coordinati dall'aggiunto Roberto Rossi conducono l'inchiesta penale su Giancaspro - hanno chiesto il sequestro conservativo è quella che la società biancorossa dovrebbe incassare a fine mercato dalla Lega Calcio per la vendita di tre giocatori. 

La richiesta della società

Di contro la difesa della società, il cui liquidatore è lo stesso Giancaspro,  ha presentato una proposta di concordato preventivo in bianco per evitare il fallimento. La decisione dei giudici su entrambe le richieste arriverà nei prossimi giorni: l'udienza per discutere nel merito le due istanze è stata rinviata al prossimo 16 agosto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Coronavirus, a Bari oltre 3mila casi accertati: l'area San Girolamo-Fesca-Stanic-San Paolo è la più colpita

Torna su
BariToday è in caricamento