Sabato, 31 Luglio 2021
Sport

Soci 'occulti', Paparesta risponde: "Attacchi insensati, lasciate stare il Bari"

La replica del presidente dopo le ipotesi giornalistiche apparse ieri su Dagospia, riguardanti una possibile presenza di Claudio Lotito nell'assetto del club: "Io e la mia famiglia - rivela - abbiamo fatto un'operazione importante. Decido io gli investitori"

Il presidente dell'Fc Bari, Gianluca Paparesta, risponde alle ipotesi giornalistiche, circolate ieri sul sito Dagospia, che vedrebbero il patron della Lazio, Claudio Lotito, nel pacchetto dei soci del sodalizio biancorosso. Paparesta, ha voluto fare alcune precisazioni, a margine della presentazione del progetto Bari Academy, che potenzierà ulteriormente il settore giovanile: "Lo dico pubblicamente qui - ha affermato - io sono l'unico artefice dell'operazione di acquisto del Bari all'asta fallimentare. Un'operazione che comporta tanti onori ma anche tanti oneri. Non ho nulla da nascondere. Io e la mia famiglia abbiamo fatto un investimento importante. Ci sono importanti realtà locali che ci stanno supportando dal punto di vista commerciale e forse, in futuro, lo faranno anche da quello societario".

"Non possiamo permetterci attacchi gratuiti verso una società che sta nascendo e che sta riscuotendo l'affetto e il sostegno di tanti tifosi - ha aggiunto il patron biancorosso, spiegando inoltre di "potersi permettere di valutare e decidere quali investitori far entrare e partecipare al progetto. A prescindere che siano italiani, russi o di altri paesi".

L'ex arbitro, puntualizza ancora sul rapporto personale con Lotito: " Sono onorato di poter andare a cena con lui e parlare di Bari. Ma posso andarci anche con Percassi, Galliani, Marotta o Agnelli. Se qualche organo d'informazione, per questioni di campanilismo romano, vuole attaccare determinati soggetti è un problema suo. Ma lasci stare il Bari".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soci 'occulti', Paparesta risponde: "Attacchi insensati, lasciate stare il Bari"

BariToday è in caricamento