Sport

Il Bari e Giancaspro deferiti per "irregolarità amministrative"

Il provvedimento del Procuratore federale su segnalazione della CO.VI.SO.C. Violati i termini di corrispondenza delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti di gennaio e febbraio

Attraverso il sito ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio è stato reso noto il deferimento di FC Bari 1908 e dell'amministratore unico del club Cosmo Antonio Giancaspro a causa di "irregolarità amministrative". Trova così conferma la voce che si era diffusa la fine di marzo e l'inizio di aprile circa il ritardo con cui erano state corrisposte le mensilità di gennaio e febbraio.

Oltre a Giancaspro, il procuratore federale ha deferito anche Giovanni Palasciano, socio partner della Ria Grant Thornton, soggetto responsabile del controllo contabile del Bari. La società è stata deferita "a titolo di responsabilità propria, diretta e oggettiva".

Di seguito le motivazioni del provvedimento estrapolate dal comunicato ufficiale della FIGC:

- Sig. GIANCASPRO COSMO ANTONIO, per la violazione di cui all’artt. 1 bis, comma 1, del C.G.S. e 10, comma 3, del C.G.S., in relazione all’art. 85, lettera B), paragrafo VII) delle N.O.I.F., per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver corrisposto, entro il 16 marzo 2018, le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2018, e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps sopra indicati. In relazione ai poteri e funzioni dello stesso, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi;

- Sig. GIANCASPRO COSMO ANTONIO e il Sig. PALASCIANO GIOVANNI, per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, depositando, presso la Co.Vi.So.C., in data 16/03/2018, una dichiarazione non veritiera attestante il pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2018;

- la Società F.C. BARI 1908 S.p.A.: per la violazione dell’art. 4, commi 1 e 2 , del C.G.S.: a titolo di responsabilità diretta e oggettiva, per la violazione dell’art. 10, comma 3, del C.G.S. in relazione all’art. 85, lettera B), paragrafo VII) delle N.O.I.F.: a titolo di responsabilità propria, per non aver corrisposto, entro il 16 marzo 2018, le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2018, e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento degli emolumenti sopra indicati.

DOWNLOAD DEL COMUNICATO INTEGRALE FIGC

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Bari e Giancaspro deferiti per "irregolarità amministrative"

BariToday è in caricamento