Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente

Tutto pronto, o quasi, per il confronto tra biancorossi e Satanelli. Classica da sempre ostica alla compagine barese: l'ultimo successo risale al 1984. Match importante anche in ottica playoff

lo stadio 'Pino Zaccheria' di Foggia

La partita clou al momento giusto o in quello peggiore? Il Bari tra poche ore scenderà in campo allo 'Zaccheria' per ricambiare la visita dei Satanelli al San Nicola, lo scorso novembre, decisa da un gol del dauno doc Cristian Galano nei minuti di recupero. Una rete pesantissima che proiettò i biancorossi al primo posto, con il Foggia ancora invischiato nelle zone mediobasse della classifica di Serie B. A distanza di 5 mesi tanto è cambiato. Il Bari è pur sempre in zona playoff, seppur sesto. I ragazzi di Stroppa hanno invece calibrato meglio squadra e modulo, scalando posizioni fino al limite della zona spareggi-promozione. Sarà un pomeriggio ad alta intensità con la truppa di Grosso che non potrà neppure contare sul sostegno dei propri tifosi, la cui trasferta è stata vietata per motivi di ordine pubblico.

Il derby pugliese fuori dal campo: 'goliardia' tra le due tifoserie

I precedenti tra Bari e Foggia

Storicamente i galletti non hanno avuto vita facile in Capitanata. In tanti ricordano l'ultima partita disputata allo 'Zaccheria', nel lontano 1997: penultima giornata di Serie B con il Bari nel pieno dell'accanita lotta per salire in A. In un clima infuocato all'inizio del secondo tempo l'arbitro Pierluigi Collina prese una decisione inedita: dopo il gol di Ventola al 48',  dalla curva foggiana cominciò un copioso lancio di oggetti verso il portiere biancorosso Fontana. Il direttore di gara decise di invertire la posizione in campo delle squadre, disponendo la come nel primo tempo. Alla fine terminò 1 a 1 e i biancorossi tirarono un sospiro di sollievo perchè il Genoa venne fermato a Ravenna, guadagnando così un facile match point-promozione, una settimana dopo, contro il Castel di Sangro. Caldissime anche le altre sfide: le prime risalgono addirittura al 1923-1924. La prima trasferta vincente barese avvenne nel 1926-1927: zero a uno con rete di De Marzo. I galletti, dopo numerosie sconfitte nelle stagioni pre-Seconda Guerra Mondiale, dovranno aspettare il 1954 per espugnare il fortino dauno con un pesantissimo 2 a 5 negli spareggi per la promozione in Serie C. Negativo lo score negli anni 60' e 70': gli 8 incroci tra Serie B e Coppa Italia video solo 4 pareggi per i baresi, a fronte di 4 vittorie rossonere. La tendenza cominciò a cambiare dal decennio successivo, dall'1-2 cadetto nella stagione 1981/1982, a cui seguirono il 2-1 foggiano l'anno successivo e un altro successo esterno biancorosso (0-1) nella Serie C1 del 1984, l'ultimo fino ai giorni nostri. Sette anni dopo, invece, la truppa di Zeman umiliò per 4 a 1 i baresi nel primo derby di Serie A. Le ultime due sfide si sono concluse in parità, ovvero il 2-2 del 1994/1995, sempre in A e la storica gara arbitrata da Collina.

Come arriva il Bari

La squadra di Grosso non sta attraversando un momento straordinario. Dopo la deludente sconfitta di Ascoli e la vittoria in extremis di Avellino, i biancorossi hanno infilato tre poco esaltanti pareggi contro Salernitana, Pescara (raggiunti nel recupero dopo essere stati con due goal di vantaggio) e Novara. Risultati che hanno raffreddato l'ambiente e scatenato qualche protesta dei tifosi con i fischi alla squadra al termine del match di martedì scorso al San Nicola contro i piemontesi. Servirà una buona prestazione per mantenere alto il morale nella lotta verso i play-off. Il derby, infatti, è il preludio a un rush finale di ferro con trasferte a Parma e Palermo e match casalinghi contro Entella, Perugia e Carpi. 

Come arriva il Foggia

I Satanelli si presentano in forma migliore: la svolta nel mercato di gennaio ha portato Kragl ma anche Greco e Tonucci, ex diventati fondamentali negli schemi di Stroppa. I dauni sono riusciti a guadagnare la quota salvezza di 50 punti e adesso possono sognare un insperato aggancio ai playoff. Nelle ultime cinque partite, i rossoneri hanno infilato tre vittorie, un pareggio e una sconfitta, ad opera dell'Empoli capolista.

Le probabili formazioni

FOGGIA (3-5-2) Guarna; Calabresi, Camporese, Loiacono; Zambelli, Agazzi; Greco, Deli, Kragl; Mazzeo, Nicastro. All. Stroppa

BARI (4-3-3) Micai; Sabelli, Gyomber, Marrone, Balcovec; Anderson, Basha, Iocolano; Galano, Floro Flores, Cissè. All. Grosso

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

  • Incendio a Valenzano: fiamme nelle vicinanze delle palazzine, avvertite anche delle esplosioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento