Gela-Bari, c'è la decisione della LND: si gioca al Presti a porte chiuse

Una ditta locale è stata incaricata di ripristinare il campo entro domenica. Si giocherà regolarmente sul campo del Gela, senza tifosi

foto da gelacalcio.com

Si è conclusa la surreale vicenda legata al campo dove disputare la partita tra Gela Calcio e Bari. La partita dell'undicesima giornata del Girone I di Serie D, verrà regolarmente giocata presso lo stadio Vincenzo Presti, impianto dove la società siciliana gioca le sue gare casalinghe come disposto dalla Lega Nazionale Dilettanti.

Nei giorni scorsi la dirigenza del Gela aveva chiesto di spostare la partita a Licata (o in alternativa a San Cataldo), in modo tale da consentire ai tifosi di assistere alla partita, la proposta però, era stata bocciata sia dalla LND, sia dalla dirigenza del Bari (per problemi logistici). Il campo del Presti, inoltre, era stato anche gravemente danneggiato da dei presunti vandali, circostanza che non ha mancato di creare apprensione circa un eventuale rinvio della partita. Risolutivo è stato l'intervento del Commissario del Comune di Gela Rosario Arena, che su indicazione della LND ha incaricato una ditta specialiazzata per ripristinare il manto erboso dell'impianto dove gioca la squadra di Karel Zeman.

Il Gela vive una situazione di disagio legata al suo stadio. Da febbraio 2018 a seguito di interventi sulla tribuna centrale, all'impianto manca l'agibilità e per questo la squadra di casa disputa le partite a porte chiuse, senza poter contare sul supporto dei suoi tifosi e soprattutto degli introiti derivanti dalla vendita dei biglietti. Stufa di questa situazione, la famiglia Mendola, proprietaria del club a metà ottobre ha annunciato il suo disimpegno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La querelle di questi giorni è con grande probabilità legata alla grande cassa di risonanza offerta dalla presenza del Bari nel campionato di Serie D: gli incassi contro i galletti (giustamente) fanno gola a tutte le società che seppur a livello dilettantistico si finanziano anche con i proventi del botteghino. Al Gela Calcio non è andata bene: la società siciliana, terza nel Girone I, dovrà accontentarsi di provare a regalare una soddisfazione ai propri tifosi sul campo, dove l'aspetta la difficilissima sfida con i galletti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparse da ieri a Bari: ritrovate le due ragazzine di 15 anni

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento