Lunedì, 2 Agosto 2021
Sport

Bari, Mangia: "Frosinone squadra fisica. Il 4-3-3? É un'ipotesi"

Il tecnico biancorosso in conferenza stampa: "Dobbiamo limitare le ingenuità che possono condizionare partite e campionato". Sul cambio modulo: "E' un'ipotesi"

Devis Mangia

Alla vigilia della trasferta di Frosinone, prevista per domani alle 15, il tecnico del Bari, Devis Mangia ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue parole.

Che squadra è il Frosinone?
"Una squadra diversa, ha qualità ma forse è più fisica rispetto al Perugia. Sono più strutturati fisicamente. Provano a sfruttare le loro caratteristiche, dovremo essere bravi a limitarli".

Si aspetta il 4-4-2 o il 4-3-3 da loro?
"Di solito fanno il 4-4-2, poi magari cambiano in corsa. Dipende da noi se riusciamo a star corti e a essere squadra, si limitano le caratteristiche degli avversari".

Wolski al posto di Caputo?
"Abbiamo provato diverse cose, Wolski è una soluzione, o se no Rozzi..."

Parola d'ordine per domani?
"Dobbiamo continuare... non ripartire. C'è tanto da fare, ma penso lo si possa dire di tutti. Non abbiamo un problema, dobbiamo pensare al lavoro, a crescere, senza avere sbalzi umorali"

Come si spiega il nervosismo in campo? Eppure siamo solo all'inizio...
"Ci son state situazioni diverse. E' chiaro che dobbiamo lavorare per essere meno fallosi, prendere meno gialli. In Coppa Italia ci sono state situazioni diverse. Mentre in campionato, la prima è una situazione di imperizia, la seconda invece bisogna leggerla: siamo in 10, non volevamo far ripartire. E' stato un eccesso di generosità. I gialli non sono il problema principale, possono starci, fanno parte del gioco. Voglio agonismo, è una mia richiesta, dobbiamo evitare quelle gratuite".

Anche le reazioni...
"Certo, evitare ingenuità che condizionino il resto del campionato"

Multe per i giocatori?
"Sì, ma anche per me, quando sono stato espulso in Coppa Italia. Bisogna migliorare"

Cosa non deve fare il Bari rispetto alla partita col Perugia?
"Dobbiamo rimanere squadra, ho rivisto la partita. L'analisi tecnica è valida fino a quando sei in parità numerica. Rivedendo la gara col Perugia ho colto spunti positivi. A volte siamo stati troppo lunghi, è una prerogativa importante della gara di domani, ci vorrà attenzione"

Gli esterni devono contribuire di più a difendere?
"Dipende dai momenti, a volte è la linea difensiva, a volte devono essere gli esterni. Nel primo tempo col Perugia lo abbiamo fatto, ma poi in 10 è complicato coprire il campo".

Potrebbe optare per un altro modulo?
"Ne abbiam parlato, ma è più un discorso di generosità. Nel modo di stare in campo nostro, a parte quando è il terzino avversario che parte. Sulle altre cose c'è da scalare bene in campo. Nella fase di possesso cambia poco, dobbiamo metterci a posto nelle fasi iniziali. Se riusciamo a stare compatti come a Chiavari sarebbe l'ideale. Mezz'ora in 9 è difficile essere lucidi, in più ci metti le proprietà tecniche del Perugia, diventa difficile".

La designazione di Pinzani (arbitro di Bari-Latina)?
"Non sapevo nemmeno dei trascorsi di Pinzani, non mi sono informato, sono sincero. Per me non esiste una cosa del genere, l'arbitro fa la sua parte, noi dobbiamo pensare a giocare senza far altri tipi di ragionamenti. Nessuno nello spogliatoio ha affrontato questo argomento, è un segnale positivo".

Stevanovic o Stoian?
"Alen sta meglio ha saltato solo lunedì, abbiamo provato entrambe le soluzioni".

De Luca?
"Non vivere di eccessi dev'essere una cosa che ci riguarda tutti. Lui probabilmente paga la troppa voglia di far bene. Deve stare sereno perchè è un calciatore di qualità. Deve mantenere la lucidità".

Troppe iniziative dei singoli?
"Nei primi 20-25' abbiamo creato 4-5 palle gol, abbiamo concesso qualche errore di disimpegno, ma le giocate individuali sono nelle corde di alcuni nostri giocatori. Io incentivo l'uno contro uno, devono essere mentalmente liberi. Altrimenti si finisce per rinchiuderli in una gabbia. Hanno quelle caratteristiche e vanno sfruttate".

Al posto di Defendi chi gioca?
"Sciaudone o Romizi. Non c'è ancora Minala per cui ci vorrà una settimana ancora".

La coppia Romizi-Donati, è un'idea?
"Hanno caratteristiche differenti ma hanno un discreto ritmo, sanno recuperare palla. Centrocampisti ne abbiamo di qualità, una scelta o l'altra mi rende sereno. Vale sia per gli uomini che per la disposizione in campo".

Giocare con una punta?
"E' un'ipotesi, è chiaro che se io gioco con una punta gli chiedo delle cose, ma bisogna fare le cose sfruttando le caratteristiche degli interpreti. Non è un problema".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bari, Mangia: "Frosinone squadra fisica. Il 4-3-3? É un'ipotesi"

BariToday è in caricamento