Mercoledì, 16 Giugno 2021
Sport

Angelozzi su Masiello: "Non condivido il reintegro". Mea culpa di Bogliacino

Il ds del Bari commenta con insoddisfazione la decisione del Collegio arbitrale che ha negato al Bari la possibilità della rescissione con Masiello. Nel frattempo, Bogliacino fa mea culpa

Ad inizio settimana è arrivata la sentenza definitiva del Collegio arbitrale relativa alla vicenda che vede protagonista da circa due mesi Salvatore Masiello. Il terzino sinistro è stato condannato alla sospensione del suo stipendio per due mensilità e al pagamento di una multa di 4mila euro. Il giocatore era stato messo fuori rosa dal Bari perchè in pieno agosto si era reso protagonista del lancio di un piatto all'ex compagno di squadra Zlamal che portò al ferimento di Crescenzi, costretto all'applicazione di più di 40 punti al braccio nel tentativo di evitare il ferimento del portiere ceco. Ora che il Collegio arbitrale ha sancito definitivamente la conclusione della vicenda 'scagionando' il giocatore napoletano ed evitando la sua rescissione, le reazioni della società biancorossa non si sono fatte attendere: come si legge sulla Gazzetta del Mezzogiorno, infatti, il direttore sportivo Guido Angelozzi si dice insoddisfatto della decisione del Collegio visto che il club di via Torrebella sperava nella rescissione. "Accettiamo la sentenza - sostiene Angelozzi - ma non siamo d’accordo. Abbiamo reintegrato Masiello: prima il giocatore si allenava a parte, era escluso dagli allenamenti ma, in ogni caso, non fa parte della lista che abbiamo consegnato alla fine di agosto, diciamo in coincidenza con l’inizio del campionato. Da quella “rosa” non si può prescindere, non è possibile inserire nuovi giocatori e nessuno può accusarci di essere fuori regola. Per inserire qualcuno, dovremmo rescindere il contratto con un giocatore già in lista e questo non intendiamo farlo. Anche perché certi comportamenti non li perdoniamo. Quella lista, comunque, si riaprirà il primo gennaio, quando si riaprirà pure il mercato. Nel frattempo - conclude il ds biancorosso - se Masiello vuole, può rescindere il contratto e piazzarsi da qualche altra parte".

Intanto si avvicina la gara di domani con l'Empoli. Uno degli esclusi eccellenti dall'undici che Torrente opporrà ai toscani potrebbe essere Mariano Bogliacino: l'uruguaiano sin qui è stato uno dei più deludenti e l'ex tecnico del Gubbio potrebbe decidere di dargli un turno di riposo. L'ex giocatore del Napoli è consapevole del suo rendimento al di sotto delle aspettative e ieri, in conferenza stampa, ha fatto pubblica ammenda: "Sono consapevole di non aver fatto bene in questo avvio di stagione. Sto sbagliando tanto, troppi passaggi errati: è un periodo dove non mi riesce nulla. Non è un problema di ruolo o di posizione in campo, perchè sto giocando dove piu' mi piace. Fisicamente credo d'esser al 60% della condizione e di questo ne sono consapevole anche io. Vorrei al piu' presto riconquistare la fiducia di mister, società e tifosi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Angelozzi su Masiello: "Non condivido il reintegro". Mea culpa di Bogliacino

BariToday è in caricamento