Venerdì, 6 Agosto 2021
Sport

Monopoli calcio, il sindaco difende i tifosi: "Nessun episodio di violenza"

Per Romani solo "un gesto simbolico forte giusticabile con l'attaccamento dei tifosi alla squadra". Domenica scorsa i tifosi erano entrati in campo dopo la sconfitta sul campo del Francavilla in Sinni costringendo i calciatori a togliersi le maglie

Nessuna violenza da parte dei tifosi, solo "un gesto simbolico forte ma che trova giustificazioni nell'attaccamento che i tifosi hanno nei colori biancoverdi e nella voglia di vedere una squadra sempre vincente". Anche il sindaco di Monopoli, Emilio Romani, interviene sull'episodio di domenica scorsa quando, al termine della partita persa per 3-1 sul campo del Francavilla in Sinni (Potenza), i tifosi del Monopoli (terzo in classifica nel Girone H della Serie D) hanno preteso che i giocatori si togliessero le maglie della squadra biancoverde e le lasciassero sul campo.

"Spiace - afferma il sindaco - che la società e i tifosi siano stati dipinti dagli organi di stampa nazionali come violenti quando in realtà non c'è stato alcun episodio di violenza, ma soltanto una richiesta di maggior impegno alla squadra". "Purtroppo come molto spesso accade - afferma ancora - si cerca un titolo forte per attirare il lettore o il telespettatore, andando oltre quanto è effettivamente successo".  Il sindaco poi respinge "l'accostamento ad altri episodi ben più gravi proprio perché avvenuto non durante la gara ma a fine partita e, soprattutto, senza quelle intimidazioni riportate dalla stampa". "Auspico che questo momento sia superato presto - conclude - e che il Monopoli Calcio sia protagonista, oltre che con i risultati, anche per ciò che da decenni lo caratterizzano: e cioè, per essere una società che ripudia la violenza e che ha fatto dell'ospitalità il suo punto di forza; e per la correttezza della sua tifoseria riconosciuta anche dalle altre società calcistiche".

Prima del sindaco anche la stessa società calcistica, con un comunicato pubblicato sul proprio sito web, aveva replicato alle notizie pubblicate dai media respingendo "senza se e senza ma qualsiasi accostamento alla violenza e a presunte intimidazioni, che una parte disinformata della stampa ha voluto  ingigantire colpendo inopinatamente una società calcistica e una intera città, che hanno da sempre stigmatizzato ogni forma di inciviltà e di prevaricazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monopoli calcio, il sindaco difende i tifosi: "Nessun episodio di violenza"

BariToday è in caricamento