menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presunta combine nella gara con il Picerno, deferiti ex calciatori e dirigenti del Bitonto: a rischio la promozione in serie C?

La decisione della Procura federale in merito all'incontro disputato il 5 maggio 2019. La società del Bitonto deferita per responsabilità diretta e oggettiva, rischia la retrocessione a tavolino

Serie C a rischio per il Bitonto? E' lo scenario che potrebbe prospettarsi dopo i deferimenti emessi dalla Procura Federale a carico di alcuni ex calciatori del Bitonto (e della stessa società per responsabilità diretta), per una presunta combine nella gara con l’Az Picerno, disputata il 5 maggio e valevole per la determinazione della classifica finale del Campionato di Serie D, girone H, al termine della quale la formazione lucana conquistò la promozione in serie C. 

Ad essere deferiti, a vario titolo, i calciatori Michele Anaclerio, Antonio Giulio Picci, Daniele Fiorentino, Giovanni Montrone, Onofrio Turitto, Francesco Cosimo Patierno, all'epoca dei fatti calciatori dell'USD Bitonto; Francesco Rossiello, Nicola De Santis e Paolo D'Aucelli rispettivamente ex vice presidente, Direttore generale e dirigente-segretario del medesimo sodalizio; Vincenzo Mitro, già Direttore generale dell'ASD Picerno. Deferite inoltre per responsabilità oggettiva le società medesime e il Potenza Calcio.

In particolare, secondo l'accusa, Michele Anaclerio sarebbe stato il promotore dell'accordo, per il quale avrebbe fatto da tramite Vincenzo De Santis (deferito anche lui), all’epoca dei fatti, direttore sportivo del Potenza Calcio. I due avrebbero concordato la consegna della somma di 25mila euro, che sarebbe stata data dalla società A.Z. Picerno, in cambio di un risultato finale della gara favorevole al Picerno, che si sarebbe così garantito la promozione. 

Le due società lucane ritenute coinvolte sono state deferite per responsabilità oggettiva. Per il Bitonto, invece, è scattato il deferimento "a titolo di responsabilità diretta e oggettiva", che qualora riconosciuta dal giudice sportivo, porterebbe alla mancata promozione in serie C. Tuttavia lo scenario potrebbe essere ancora peggiore, con una retrocessione della squadra in Eccellenza.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento