rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Sport

Lotta al doping: a Sofia l'ultimo atto di "SDOP - Stop Doping Swim Fair"

La capitale bulgara ha ospitato l'evento conclusivo del progetto europeo che mira al contrasto del doping nel nuoto nella fascia d'età 10-18 anni. L'ASD O3TT di Noci, in provincia di Bari, ha rappresentato l'Italia

Contrastare la diffusione del doping tra i giovani nuotatori condividendo conoscenze e buone pratiche. Questo l'obiettivo del progetto europeo "SDOP - Stop Doping - Swim Fair", che ha vissuto oggi il suo atto conclusivo a Sofia, in Bulgaria. 

Il Ministero dello Sport bulgaro, coordinatore del progetto, ha ospitato le delegazioni provenienti da otto Paesi europei (Bulgaria, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna, Svezia e Turchia) composte da tecnici federali, atleti e addetti ai lavori accomunati dalla lotta al doping nello sport. 

Ogni gruppo intervenuto ha presentato le proprie attività di ricerca e le esperienze maturate nell'ambito di questo progetto, iniziato nel 2019 ma partito effettivamente a gennaio 2020, con l'intento di stilare delle linee guida da condividere a livello europeo per contrastare il crescente fenomeno dell'assunzione di sostanze dopanti (in particolare degli AAS, gli steroidi anabolizzanti androgeni), specialmente tra i giovani nella fascia d'età compresa tra i 10 e 18 anni.

"SDOP - Stop Doping Swim Fair": l'atto conclusivo a Sofia

Un problema annoso quello del doping, del quale probabilmente non si discute abbastanza e che al contrario di ciò che molti potrebbero pensare, non interessa soltanto gli atleti ai più alti livelli, bensì anche i giovani che si avvicinano allo sport partendo dal basso con conseguenze sul fisico e sulla salute mentale degli stessi. 

Tra i partecipanti coinvolti attivamente nel progetto c'è anche un po' di Puglia: il team di triathlon O3TT (Otrè), Associazione Sportiva Dilettantistica di Noci, in provincia di Bari, è infatti stato scelto per rappresentare l'Italia in questo progetto Erasmus+ Sport. Presenti il vicepresidente dell'associazione e ricercatore, Nicola Intini, il Project manager Spartaco Grieco e Giuseppe Mineccia, uno dei due ambassador insieme alla nuotatrice e olimpionica Elena Di Liddo, il Consigliere regionale FIN Lorenc Feleqi e il tecnico Vito Liuzzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta al doping: a Sofia l'ultimo atto di "SDOP - Stop Doping Swim Fair"

BariToday è in caricamento