Sport

Sancataldese-Bari, finale di gara teso: galletti in silenzio stampa

I biancorossi lamentano la condotta violenta della società ospite. Scala ordina il silenzio stampa: "Non è la prima volta che riceviamo un trattamento inadeguato. Ora basta"

Finale di gara concitato a San Cataldo, dopo il triplice fischio di Sancataldese-Bari, gara conclusasi sul risultato di 1-2 per i galletti. I biancorossi lamentano il trattamento violento ricevuto al Mazzola, dove avrebbero subito atteggiamenti intimidatori. A commentare l'episodio è intervenuto il team manager dei galletti Matteo Scala: “Dei nostri tesserati oggi non parlerà nessuno. Ci sono qui io per una questione di rispetto. Non abbiamo la giusta serenità per parlare. Anche oggi non abbiamo ricevuto un trattamento adeguato, non è la prima volta che ci succede lontano dal San Nicola. Episodi simili ci erano già successi ad Acireale. In quel caso abbiamo fatto finta di niente, ma adesso basta”.

Gli episodi a cui allude Scala devono essere avvenuti al triplice fischio di una gara che ha visto diversi ammoniti nel corso del suo svolgiomento, ma si è accesa particolarmente nel finale, quando dopo un fallo su Aloisi si sono levate delle veementi proteste dalla panchina biancorossa. In quella circostanza si è creata una mischia a bordocampo al termine della quale è stato espulso il giovane centrocampista del Bari, che era stato da poco sostituito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sancataldese-Bari, finale di gara teso: galletti in silenzio stampa

BariToday è in caricamento