Serie D, campionato a rischio per il Gela Calcio: la proprietà annuncia il disimpegno

La società siciliana inserita nel girone del Bari potrebbe terminare il campionato dopo sole 4 giornate a causa di dissidi con il comune in merito allo stadio

Ancora un colpo di scena nel Girone I di Serie D, raggruppamento in cui è inserita anche la SSC Bari della famiglia De Laurentiis: dopo lo scandalo che aveva travolto la Palmese, ancor prima dell'inizio del campionato (la squadra si è poi regolarmente iscritta ndr), anche il Gela Calcio sembra essere nei guai.

La società siciliana, di proprietà della famiglia Mendola, ha infatti annunciato il proprio disimpegno dal club, in aperto contrasto con l'amministrazione politica del Comune di Gela. Al centro della querelle c'è lo stadio che dovrebbe ospitare le partite dei delfini e che invece è inagibile. Da qui la decisione di minacciare lo svincolo dei calciatori e il ritiro dal campionato, uno scenario che fosse confermato finirebbe col minare la regolarità e la credibilità del torneo. 

I vertici del Gela Calcio hanno motivato il proprio gesto forte con un comunicato attraverso i propri canali ufficiali che vi riportiamo nella sua versione integrale:

La dirigenza del Gela Calcio e il suo Presidente Angelo Mendola comunica alla cittadinanza il
disimpegno dalla guida e dalla gestione della squadra di calcio, massima espressione calcistica in ambito locale.
Non sempre i sogni si realizzano, ma non si deve mai rimanere da soli a sognare. Questa dirigenza e la mia famiglia, dal 2016 investono nel Calcio e nel territorio di Gela senza che il territorio abbia dato qualcosa o sostenuto le nostre imprese, ma solo per la gelesità che ci ha sempre contraddistinti e il vanto di essere cittadini di questa città.
Oggi ci rendiamo conto che siamo soli.
Siamo soli a sostenere un progetto calcistico di grande ambizione, la squadra e il suo allenatore ne sono testimonianza, ma sembra quasi che solo noi vogliamo portare avanti questo progetto, quasi che non fosse un progetto della città di Gela, che porta peraltro il suo nome in giro per il meridione d’Italia in senso positivo e non come spesso è stato dipinto dai media..
Siamo soli a sostenere economicamente la squadra di calcio senza nessun aiuto da parte della cittadinanza, solo 10 abbonamenti, e del suo tessuto economico locale sia arrivato.
I vari appelli a fare squadra nell’interesse della città e non certo di questa proprietà,
sono rimasti appelli lanciati nel vuoto.
Anche l’Amministrazione ci ha lasciato da soli in questi mesi, questa situazione è sotto gli occhi di tutti.
Da febbraio 2018 lo stadio è chiuso e quindi non è accessibile al pubblico, creando problemi non indifferenti alla società.
A fronte di questi problemi, abbiamo avuto solo proclami da parte dell’Amministrazione, che si era impegnata a riaprire la struttura sportiva entro il mese di agosto, ma così
non è stato.
Purtroppo siamo stati ingannati da tutti, compresa la Politica, illusi che questo sogno poteva essere condiviso dalla città a cui non abbiamo chiesto assolutamente nulla, se non di sognare con Noi.
A questo punto ci siamo svegliati e ci siamo resi conto che lo stadio è chiuso e la situazione politica e amministrativa venutasi a creare non lascia assolutamente dubbi sul fatto che lo stadio non si aprirà in tempi brevi. Anche i tempi di un eventuale interessamento da parte della Regione non solo quelli auspicati per rilanciare la squadra di calcio.
Ci siamo svegliati e ci siamo accorti che in giro per l’Italia facciamo solo brutte figure perché non siamo in grado di ricevere le altre squadra a Casa Nostra, visto che una casa non l’abbiamo e forse per questo anno non l’avremo, visto che il Comune non è in grado
di portare avanti la ristrutturazione della Tribuna.
Ci siamo svegliati da questo sogno e ci siamo accorti che purtroppo nel territorio non si può fare calcio, perché è mancato quell’appoggio, su ogni fronte, che avrebbe consentito
di alimentare quell’entusiasmo che oggi non c’è più.
Questa Città ha fatto morire il calcio e le colpe non sono di questa dirigenza ne’ della proprietà, ma della città di Gela, che non è riuscita ad avere un moto di orgoglio per salvare questa compagine sportiva e con essa il nome di Gela.
Per questi motivi gettiamo definitivamente la spugna, liberiamo giocatori e staff, ringraziandoli per quanto hanno fatto, ringraziamo quelli che ad oggi ci hanno sostenuto e ci hanno supportato e rimettiamo la squadra nelle mani di chi vuole continuare, avendo sempre il nostro sostegno.

Gela, 08/10/2018
La Dirigenza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Stop agli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre, comuni 'chiusi' a Natale e Capodanno: il governo approva il decreto

Torna su
BariToday è in caricamento