La 'maledizione' del baseball nel Barese: "Esportiamo campioni, ma mancano campi e stadi"

Vincenzo Serino, manager della squadra "Baseball Club Bari - Warriors", da 40 anni chiede invano al Comune una struttura a norma. Ora giocano nel campo da calcio dello stadio di Valenzano

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'odissea lunga più di 40 anni, in cui viene ancora più rimarcata la differenza tra gli sport considerati 'importanti' e quelli 'minori'. È la storia del 'Baseball Club Bari - Warriors', l'unica squadra di baseball e softball nella provincia, che fin dalla sua fondazione - nel 1971 - è stata costretta ad allenarsi ed ospitare le partite dei campionati nazionali in campi, grandi circa la metà di un 'diamante' regolamentare

NESSUN CAMPO NEL BARESE - Un obiettivo - quello di ottenere una struttura a norma dal Comune di Bari- che il manager ed allenatore Vincenzo Serino continua a perseguire, per permettere ai suoi atleti - che vanno dagli studenti 15enni agli sportivi 40enni - di giocare in sicurezza. Per il momento, invece, la squadra si è dovuta accontentare del campo da calcio dello stadio comunale di Valenzano, dove manca persino l'erba. Gli atleti devono così lanciare la palla, effetturare prese e scivolate alla base tra il pietrisco. "Con il rischio - spiega Serino - di farsi male. È capitato a mio figlio Marco, una promessa richiesta da tante squadre della massima serie, che si è rotto un dito della mano durante un'azione di gioco. Eppure è l'unico campo che possiamo permetterci. C'è anche il ' Mirko Variato' a Japigia, ma ci verrebbe a costare oltre 70 euro all'ora. Visto che una partita dura in media quattro ore, è facile capire che bisogna essere ricchi per giocare". E così domenica è avvenuto l'ennesimo paradosso: la squadra barese di baseball ha giocato - e vinto - contro il Matino in uno stadio fuori dal territorio comunale

SPORT DI INTEGRAZIONE - "Eppure il nostro è uno sport che unisce diverse generazioni ed è capace di integrare - prosegue Serino -. Con noi gioca persino un cubano, Herick Hernandez Vazquez, lanciatore della nazionale, e siamo aperti ad ospitare ragazzi provenienti da contesti 'difficili'. Siamo persino tra le associazioni che contribuiranno alla creazione del 'Museo dello sport barese' a giugno. Poi però ti accorgi che una squadra che ha sfiorato la massima serie nel softball non ha un campo regolamentare e i nostri campioni li 'esportiamo' a squadre meno blasonate, che però hanno spazi adeguati per allenarsi, come il Matino o il Foggia. È un vero peccato". 

E se la situazione non dovesse cambiare, a perderci potrebbe essere non solo lo sport, ma anche l'indotto economico turistico dell'area metropolitana. "Il campionato è partito come sempre nel periodo estivo - conclude Serino -, quando arrivano turisti giapponesi, americani e sudamericani, che chiedono dove poter seguire partite di baseball, sport da loro molto seguito, ma non sappiamo cosa rispondere".

IL COMUNE: "OBIETTIVO NEL LUNGO TERMINE" - Nel futuro anche l'area metropolitana di Bari potrebbe pensare di dotarsi di un campo regolamentare per gli amanti del baseball, ma non è una cosa che avverrà nel breve periodo, come spiega l'assessore comunale allo Sport Pietro Petruzzelli: "Con i prossimi finanziamenti riutilizzeremo degli spazi abbandonati per destinarli ad altri sport minori, come il rugby. I futuri interventi saranno dedicati anche al baseball, ma sono cose che vanno programmate e non si possono risolvere nel giro di un anno o due".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento