Sport

Della Vittoria al Bari calcio, Petruzzelli: "Troveremo soluzione per il Rugby"

L'assessore comunale allo Sport interviene sulla diatriba riguardante lo storico impianto. L'Fc Bari verso l'accordo su manutenzione ordinaria e straordinaria: "Non vogliamo mortificare la palla ovale" spiega, ma i rugbisti non ci stanno

Nessuno 'sfratto' ai rugbisti, ma la volontà, da parte del Comune, "di trovare una soluzione per non mortificare una società e uno sport", fermo restando l'imminente firma della convenzione tra Palazzo di Città per affidare alla Fc Bari la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria anche dello Stadio Della Vittoria, assieme a quella del San Nicola.

 L'assessore comunale allo Sport, Pietro Petruzzelli, interviene per chiarire la polemica scoppiata tra l'amministrazione e le Tigri Bari, costrette a lasciare la vecchia arena per far spazio agli ambiziosi progetti del nuovo sodalizio calcistico biancorosso, pronto ad utilizzare lo storico impianto per ospitare le gare delle formazioni giovanili e alcune amichevoli della prima squadra: "Il Bari calcio - spiega Petruzzelli - ha offerto la possibilità di accollarsi spese di manutenzione straordinarie e ordinarie. Per noi è molto importante in un periodo in cui c'è difficoltà nel far quadrare i conti legati alle fasce più deboli della nostra città".

L'accordo, spiega Petruzzelli consentirà "di mantenere gli uffici del Coni e le strutture utilizzate dalle altre federazioni, come il taekwondo e le arti marziali. In futuro - inoltre - verrà allestito il museo della Moto. Il tutto, unito agli impianti vicini e alle Piscine Comunali, andrà a comporre una vera e propria cittadella dello sport". E la palla ovale? "Abbiamo incontrato la società - dice l'assessore - e da parte nostra c'è l' impegno a cercare una sede idonea, confermando il nostro sostegno alle belle e importanti iniziative che da anni svolgono nel sociale, aiutandoli a promuovere il movimento sportivo".

L'idea di trasferirsi al Bellavista, però, continua a generare scetticismo da parte del Rugby Bari: "Il campo - spiega in una nota la società - non è omologabile per diverse ragioni, prima fra tutte la sua pericolosità, in quanto, utilizzato dai lanciatori, è impraticabile. Quindi non è utilizzabile per le sue dimensioni (70 m invece di 100 in lunghezza, ndr) e in ultimo non illuminato". La società invita il Comune "a fare un passo indietro". Il dado però, nonostante un'importante mobilitazione sui social a favore della storica squadra di rugby, sembra oramai tratto, chiudendo, si spera non per sempre, un capitolo della storia rugbistica in città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Della Vittoria al Bari calcio, Petruzzelli: "Troveremo soluzione per il Rugby"

BariToday è in caricamento