menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vivarini alla vigilia di Bari-Cavese: "Il San Nicola deve diventare la nostra arma in più"

Il tecnico biancorosso è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del primo dei due match casalinghi

Centrato il primo successo della gestione tecnics di Vincenzo Vivarini a Potenza sul campo del Picerno, il Bari è atteso dalla sfida interna di domani pomeriggio contro la Cavese, valevole per l'ottava giornata del Girone C di Serie C.

Alla vigilia della sfida contro i campani, il tecnico dei biancorossi, ancora alla ricerca del primo successo stagionale davanti al pubblico del San Nicola, è intervenuto in conferenza stampa. "Dobbiamo invertire il trend casalingo - ha esordito -. Il San Nicola deve diventare la nostra arma in più, il nostro punto di forza. Dobbiamo sfruttare il fatto di avere i nostri tifosi al fianco, diventare un blocco unico. Questa squadra non ha ancora mai vinto in casa e il fattore campo per noi deve diventare il valore in più. In questo momento dobbiamo trovare la convinzione di fare le cose nel miglior modo possibile. Il San Nicola deve esaltarci. Non possiamo pensare di fare risultato con il lavoro di squadra e con il bel gioco, perché abbiamo iniziato a lavorare insieme da poco. Ora il lavoro fondamentale da fare è sulla mentalità, perché dobbiamo vincere le partite in casa dominando, con le buone o con le cattive, costruendo una mentalità vincente. La Cavese è squadra temibile, con individualità di valore; dovremo affrontarla con attenzione e pazienza". 

Il nuovo allenatore dei galletti ha raccontato gli otto giorni di lavoro in cui ha ha preparato la sfida contro i biancoblu: "Questa settimana abbiamo fatto un bel lavoro, sono dei ragazzi che lavorano molto bene, questo gruppo ha cultura del lavoro. Quando si subentra è normale ci siano dei problemi da affrontare, la situazione non può essere buona, ma ho trovato un gruppo unito, una squadra pronta a lavorare sodo".

Fino ad ora Vivarini ha riproposto il 3-5-2 adottato da Cornacchini nelle ultime uscite prima dell'esonero ma non esclude di cambiare atteggiamento tattico: "Abbiamo lavorato anche su altri moduli perché è una squadra che può giocare anche con altre soluzioni. Nella fase del non possesso si riescono ad ottenere risultati; in fase di possesso palla serve più lavoro per far si che la squadra trovi il giusto assetto, riesca a giocare in velocita; per i bel gioco c'è da aspettare ancora un po’. La priorità è rimettersi in pista in chiave classifica, dobbiamo lasciare un po’ i fronzoli e pensare al sodo. Dobbiamo razionalizzare le caratteristiche dei giocatori in chiave modulo. Le scelte di domani saranno fatte anche in base alla condizione fisica dei ragazzi. Questa squadra può giocare anche con 3 attaccanti, ma senza che l’equilibrio venga a mancare".

Ottobre sarà un mese particolarmente importante per il Bari che dopo la Cavese affronterà alcune delle principali rivali in chiave promozione come Ternana e Catania: "Ogni allenatore ha la sua idea di calcio, è chiaro che in questo mese noi affrontiamo le migliori del campionato e non sarà facile, ma serve tempo perché i ragazzi acquisiscano le mie idee. Per me la squadra deve lavorare con distanze minori e con maggiore intensità e stiamo lavoradno per questo".

Vivarini auspica un passo in avanti dal punto di vista della mentalità e vuole che siano i giocatori più esperti a caricarsi sulle spalle il resto del gruppo: "I leader sono importanti in una squadra perchè sono quelli che, nelle difficoltà, aiutano i più timidi a tirar fuori le loro caratteristiche nascoste. In questa squadra ci sono dei leader silenziosi: non urlano, ma danno il buon esempio. Bisogna crescere anche da questo punto di vista, vedo ancora una squadra un po’ timida". 

Quanto alla formazione il tecnico dei galletti preferisce non sbilanciarsi, limitandosi a fare il punto sulle condizioni dei suoi: "Frattali ha recuperato ma non è ancora al meglio così come Scavone e Floriano. Schavone si è allenato due giorni con noi, devo valutare la sua tenuta, ma averlo a disposizione è utile. Awua è un ragazzo con caratteristiche interessanti, deve crescere dal punto di vista tattico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento