rotate-mobile
Volley

B1: due punti sudati per Castellana Grotte che batte Catania soffrendo troppo

Ennesimo tie-break per la Zero5 che non ha approfittato appieno dei recuperi: Hub Ambiente piegata grazie alla maggiore esperienza

Sofferta oltre ogni previsione la vittoria ottenuta dalla Zero5 Castellana Grotte con la Hub Ambiente Catania nel recupero della decima giornata di ritorno del campionato nazionale di volley femminile di serie B1. L’incontro si è concluso al tie-break. Continua la sofferenza per tutto l’ambiente della Grotte Volley che, a partire dalla sconfitta di Cerignola, sta vivendo una delusione dopo l’altra. Certo, le attenuanti non mancano, ma non è stato utilizzato al meglio il vantaggio di due gare in più rispetto alle avversarie nella lotta per la permanenza. A sole due gare dalla fine, la situazione è la seguente: Terrasini 31, Palmi e Zero5 29, San Salvatore 27.

Il San Salvatore, però, ha ancora due partite in più da giocare (oggi ed il 20 aprile, si tratta di andata e ritorno con il Cerignola), e quindi potrebbe ottenere 6 punti che varrebbero la salvezza. Ma, come si suol dire, inutile piangere sul latte versato, bisogna attendere l’esito dei due incontri del San Salvatore, perché comunque il Cerignola è in crescita, e mercoledì si tireranno le somme. Se tra la quartultima e la quintultima in classifica ci sono meno di 3 punti di distacco, è previsto un play-out.

Insomma, ancora tutto è possibile. Tornando a parlare della partita, l’allenatrice Ina Baldi del Catania parte con Merler (7) opposta a Curti (1), Carnazzo (14) e Agbortabi (6) al centro, Chiesa (12) e Manservisi (1) laterali, Foti libero. Entrate Silvestre (9), Asero, Altavilla, Baglio e Muscetti. Nel quarto set, a seguito di un infortunio di Manservisi, la centrale Carnazzo è passata in banda, ben figurando. Massimiliano Ciliberti, tornato al timone della Zero5 in questa gara, risponde con Liguori (15) opposta a Pinto (3), Vinciguerra (14) e Micheletto (7) centrali, Civardi (top scorer con 20 punti) e Cipriani (17) schiacciatrici, Recchia libero. Entrate Pisano, Soleti (2) e Pavone, non entrata Equatore. Equilibrio fino al 12 pari, poi il Catania cala e la Zero5 approfitta realizzando un 13-1 che chiude il set sul 25-13. La strada si è messa in discesa per la Zero5, ma il Catania gioca tranquillo e parte meglio (3-8).

La squadra di casa recupera (10-11) ed inizia una serie di lunghissimi break e contro break che portano al 19-22. Qui Catania capisce che può farcela e, soprattutto con l’efficace Silvestre subentrata ad Agbortabi, fa suo il parziale 22-25. La tensione sale e la Zero5 reagisce rabbiosamente (8-3, 16-4, 21-10) e chiude velocemente 25-14 il terzo parziale. Manservisi si infortuna sul finire del terzo set e Baldi sposta l’ottima Carnazzo in banda, facendo entrare Agbortabi al centro. La mossa dà i suoi frutti, il Catania parte forte (4-10). Le difese compiono miracoli e lo spettacolo cresce, ma cresce anche la tensione nelle fila della Zero5 che lottano (11-16), riescono a ridurre lo svantaggio a soli due punti (18-20), ma Carnazzo ed alcuni errori in attacco nel finale, assegnano il parziale alle siciliane (19-25).

Secondo tie-break in 3 giorni, un dettaglio di non poco conto. Si cambia sull’8-4, ma Catania non è quella che la sua classifica mostra (5 set vinti in tutto il campionato!) e pareggia (8-8). Finale da brividi: avanti Zero5 (11-8), Catania recupera ancora (11-10), poi finalmente Vinciguerra e tre attacchi di Civardi per chiudere sul 15-10 e prendere due sudatissimi punti.

Questo il commento di coach Ciliberti: “Stasera Catania ha giocato molto bene nella fase break forzando molto la battuta e recuperando tantissimi palloni in difesa, completamente una squadra diversa da quella vista all’andata. Abbiamo avuto difficoltà nel cambio palla e nel gestire alcuni palloni. La squadra dalla gara con Cerignola ha subito un calo mentale vertiginoso che sta condizionando tanto anche l’aspetto tecnico, le ragazze devono recuperare autostima e fiducia nei propri mezzi, vedo un gruppo terrorizzato che al momento fatica ad uscire da questo limbo. Bisogna lavorare tanto su questo aspetto, recuperare energie, condizione fisica ed entusiasmo fino all’ultima palla di questo campionato”. Il tabellino del match:

ZERO5 CASTELLANA GROTTE-HUB AMBIENTE CATANIA 3-2 (25-13, 22-25, 25-14, 19-25, 15-10)

CASTELLANA GROTTE: Cipriani, Pisano (L), Liguori, Recchia Vinciguerra, Pinto, Pavone, Civardi, Di Carlo, Michieletto, Soleti. All. Ciliberti

CATANIA: Curti, Agbortabi, Asero, Silvestre, Altavilla, Merler, Baglio, Foti (L), Carnazzo, Muscetti, Chiesa, Manservisi. All Baldi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

B1: due punti sudati per Castellana Grotte che batte Catania soffrendo troppo

BariToday è in caricamento