Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caos parcheggi in città? Non più: ora si può richiedere con un'app per smartphone

"Bee-P", disponibile per Ios e Google Play, è stata presentata questa mattina a Palazzo di Città. Gli utenti potranno segnalare un parcheggio che stanno liberando o richiederlo

 

Un app dedicata a coloro che la sera odiano uscire per il timore di non trovare parcheggio, "ma anche ai genitori separati, che spesso hanno meno tempo a disposizione durante la giornata rispetto ad una famiglia", spiega Valentina Porzia, presidente dell'associazione 'Genitori in campo', che oggi ha presentato 'Bee-p'. L'applicazione gratuita, disponibile sugli store Ios e Google Play, promette di fare felici centinaia di automobilisti. 

Come nasce l'app

All'incontro a Palazzo di Città, hanno preso parte anche il rappresentante della società grafica "L'ink" di Danilo Lorusso e l'assessore all'innovazione Angelo Tomasicchio. Il software, sviluppato da Michele Bottalico, funziona attraverso una particolare 'moneta di scambio': i Bee-P-Coin, che si ricevono una volta segnalato un parcheggio libero e servono a loro volta a richiederli. 

L'idea nasce tra le strade di Messina: "È una pensata di mio fratello - spiega Porzia -, venutagli mentre girava per le strade alla ricerca di un posto libero. Aveva immaginato l'utilità di una segnalazione di posto auto da parte di chi stava uscendo dal parcheggio. E così è nata Bee-P, un percorso durato circa otto mesi".

I 'BeePers'

Grande importanza ha la community della app, i cosiddetti 'BeePers', ovvero sia coloro che segnalano la disponibilità di un parcheggio che stanno per liberare, sia coloro che ne usufruiscono. Questi vengono 'recensiti' con un sistema di feedback: gli utenti possono assegnare loro un punteggio che va dalle 5 stelle (Utente puntuale e attento alle esigenze dell'altro) alla singola stella (Utente che non si presenta), così da indicare l'affidabilità del 'BeePers' con cui si entra in contatto.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento