Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inceneritore a Modugno, la protesta degli ambientalisti sotto il Consiglio regionale: "Emiliano blocchi l'opera"

 

Continua a dividere l’opinione pubblica il progetto dell’inceneritore della Newo, società foggiana che ha ottenuto l’ok per la costruzione della struttura di smaltimento rifiuti nella zona industriale di Bari, a ridosso del quartiere San Paolo e di Modugno. Questa mattina una cinquantina di attivisti delle associazioni ambientaliste di Modugno, Palo del Colle, Bitetto e Bari è sceso in protesta davanti alla sede del consiglio regionale, in via Capruzzi a Bari, chiedendo l’intervento del presidente Michele Emiliano per bloccare l’opera. Il sit-in è partito intorno alle 9 e continuerà fino alle 15. Presenti anche i consiglieri comunali Michele Caradonna, Pasquale Dirella e Giacomo Olivieri, che chiedono una posizione univoca da Palazzo di Città sull'opera.

L'assessore Caracciolo: "Siamo contrari, impianto non previsto dal Piano regionale rifiuti" 

Nel pomeriggio con una nota arriva anche la replica dell'assessore regionale alla Qualità dell'ambiente, Filippo Caracciolo. “Voglio ribadire – scrive – la contrarietà della Regione Puglia alla realizzazione dell’impianto di ossidocombustione nella zona industriale di Bari nelle vicinanze del Comune di Modugno e sottolineo che si tratta di un impianto non previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti". L'intervento di Caracciolo si pone, quindi, sulla stessa linea d'onda di quanto affermato nelle scorse settimane dai sindaci di Bari, Modugno e Bitonto, da sempre contrari alla costruzione dell'inceneritore.

Nella note si attesta anche che la Regione non può impedire ai privati di presentare richieste o istruttorie che vengono esaminate sulla base delle leggi in materia, come avvenuto per la Newo. "Rispetto alle nostre competenze - conclude Caracciolo - sottolineo il massimo impegno con cui stiamo affrontando il tema dell’aggiornamento del Piano Regionale dei Rifiuti prediligendo lo sviluppo dell’impiantistica pubblica e seguendo i principi dell’economia circolare". 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento