Altamura

Intrecci mafia-politica, al via gli interrogatori. Fratello del boss Dambrosio non risponde

Iniziati oggi gli interrogatori delle tre persone arrestate ad Altamura nell'ambito di un'inchiesta su presunti legami tra mafia e politica. Il fratello del boss Dambrosio non risponde; interrogatorio interrotto dopo due ore per il sottufficiale dei carabinieri

La stazione dei carabinieri di Altamura

Hanno avuto inizio oggi gli interrogatori di garanzia delle tre persone arrestate martedì scorso nell'ambito dell'inchiesta dell'Antimafia barese su presunti intrecci tra mafia e politica ad Altamura.

Giuseppe Antonio Colonna, in carcere a Bari per i reati di associazione mafiosa, usura, estorsione, detenzione e porto illegale di armi da guerra con relative munizioni e sostanze esplodenti, ha chiesto il rinvio dell'interrogatorio, per non aver letto fino in fondo l'ordinanza d'arresto a causa di problemi di salute. Mario Dambrosio, fratello del defunto boss Bartolo ucciso ad Altamura il 6 settembre 2010 e in carcere a Taranto con le stesse accuse, si è avvalso invece della facoltà di non rispondere in attesa. Secondo quanto si è appreso, pare che Dambrosio sia ancora in attesa di nominare un legale di fiducia.

Per il maresciallo Nicola Logiudice, comandante della Stazione dei carabinieri di Altamura, al quale sono stati concessi gli arresti domiciliari, l'interrogatorio è iniziato ma è stato poi interrotto e proseguirà martedì prossimo. Logiudice ha risposto per oltre due ore alle domande del giudice sulle contestazioni di favoreggiamento personale e false dichiarazioni (esclusa l'aggravante dell'articolo 7, aver cioé favorito un'associazione mafiosa come contestato dall'accusa), per non aver segnalato che Bartolo Dambrosio non ottemperava all'obbligo di firma al quale era sottoposto.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intrecci mafia-politica, al via gli interrogatori. Fratello del boss Dambrosio non risponde

BariToday è in caricamento