Altamura

Rinchiusi in sacchi e buttati nella spazzatura, salvati otto cuccioli

Gli otto cagnolini, nati da pochi giorni, erano stati messi all'interno di due grandi sacchi di plastica e buttati in un cassonetto della spazzatura ad Altamura. A salvarli i volontari della Lega nazionale di Difesa del cane

Rinchiusi in due grandi sacchi di plastica, di quelli utilizzati per trasportare il cemento, e buttati via, nel cassonetto della spazzatura. Destinati a morte certa, se non fosse stato per l'intervento dei volontari della Lega nazionale di Difesa del Cane, che li hanno tratti in salvo e ricoverati in una clinica veterinaria. E' la triste storia, per fortuna a lieto fine, di otto cagnolini, nati da pochi giorni e abbandonati da chissà chi in un cassonetto dei rifiuti ad Altamura

Niente di più probabile, secondo i volontari che li hanno ritrovati, che i cuccioli fossero stati partoriti da una cagna in qualche masseria o podere agricolo della zona, e che siano stati portati via alla mamma dal suo stesso padrone, desideroso di sbarazzarsi di una cucciolata troppo numerosa. Un'abitudine diffusa soprattutto negli ambienti rurali, e alimentata anche dalla mancata microchippatura dei cani padronali che permette di lasciare "impunito" chi compie tali gesti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinchiusi in sacchi e buttati nella spazzatura, salvati otto cuccioli

BariToday è in caricamento