Mercoledì, 4 Agosto 2021
Altamura Via Quintino Sella, 29

Lotta contro la demenza senile, in città nasce "Caffè Alzheimer"

Le dottoresse Feliciana Fiore, Marialisa Moramarco e Angela Castellano sono le promotrici di questa iniziativa tutta altamurana e gratuita. Si comincia a partire dal 5 Marzo 2013

Ad Altamura nasce il primo “Caffè Alzheimer”, un servizio in grado di garantire alle persone con demenza e ai loro familiari un luogo sicuro ed accogliente, dove poter passare qualche ora in compagnia, insieme ad altre famiglie e con operatori che possono dare conforto e sostegno psicologico.

Per cinque martedì consecutivi, a partire dal 5 marzo 2013, si terranno degli incontri rivolti ai familiari della durata di un’ora e mezza ciascuno, dalle ore 16.00 alle ore 17.30, durante i quali si affronteranno tematiche relative al mondo delle demenze e alla loro gestione. In contemporanea, in una stanza adiacente, verranno proposte alle persone con demenza degli esercizi semplici e divertenti di stimolazione della memoria su temi specifici, ad esempio, lavori di una volta, proverbi e detti dialettali, canzoni di un tempo, giochi di un tempo, personaggi famosi, foto di luoghi di Altamura, attraverso un approccio valorizzante e non giudicante, che stimoli la socializzazione e la percezione di autoefficacia. La partecipazione agli incontri è completamente gratuita.

Le dottoresse Feliciana Fiore, Marialisa Moramarco e Angela Castellano sono le promotrici di questa iniziativa tutta altamurana. In questi giorni stanno già conducendo colloqui preliminari con le famiglie interessate, al fine di offrire il servizio migliore conforme allo stadio di malattia raggiunto dall’anziano partecipante. Dove ?. Presso il centro anziani “Bell’età”, sito in via Quintino Sella 29 ad Altamura. « Nelle società occidentali-scrivono- l’invecchiamento della popolazione è il fenomeno demografico più rilevante. Attualmente il 20% della popolazione italiana ha più di 65 anni e questo trend demografico continuerà anche in futuro. Nel 2050, secondo i dati ISTAT,  gli over 65 saranno il 33% della popolazione ». In provincia di Bari, sempre secondo fonti ISTAT, si prevede che nel 2050 la percentuale di over-65enni sarà di circa il 38% sul totale della popolazione e che la prevalenza stimata della demenza tra le persone di 65 anni e oltre è del 4%.  “L’esplosione del fenomeno delle demenze è un’emergenza che la nostra società deve cercare di affrontare quanto prima- concludono le psicologhe- ed è importante  per l’ammalato incontrare persone di cui ci si può fidare, perché sono in grado di capire il suo problema o perché sono nella sua stessa situazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta contro la demenza senile, in città nasce "Caffè Alzheimer"

BariToday è in caricamento