Martedì, 15 Giugno 2021
Altamura

Affaire Tradeco Altamura: il Consiglio di Stato conferma la sentenza del Tar

E' stato respinto il ricorso dell'azienda Tra.de.co. Il Consiglio di Stato ha appoggiato il Tar, dichiarando la priorità del bene collettivo sugli interessi privati

L’ Udienza è tolta.  Respinto il ricorso della Tra.De.Co. che aveva impugnato l'ordinanza del Tar Puglia di diniego della sospensiva della procedura negoziata  per l'affidamento dei servizi per un anno. Il Consiglio di Stato ha condiviso le argomentazioni del Tar confermando "l'assenza di elementi di concretezza e gravità del pericolo di pregiudizio" lamentato dalla ditta. E soprattutto ha aggiunto che l'interesse pubblico legato allo svolgimento della procedura sovrasta  la segretezza richiesta dalla società.  Il Comune di Altamura può procedere, dunque, all'apertura delle buste presentate per la gara-ponte.

Il  23 marzo 2012 il Consiglio di Stato, con il decreto del dott. Marzio Branca, aveva sospeso la procedura di gara per assegnazione servizio di igiene urbana di Altamura fino al 17 aprile. Giunti alla data stabilita, si è tenuta  l'udienza in Camera di Consiglio, collegio della V sezione, con presidente Luciano Barra Caracciolo e relatore Fabio Franco Nero. La prossima udienza al Tar è prevista per il giorno 10 maggio, intanto per altri 30 giorni, con un'ordinanza  del vicesindaco G. Centonze, è stato prorogato il servizio di igiene urbana affidato alla stessa Tra.De.Co..

Enzo Colonna e il Movimento Aria Fresca dichiarano: "Si tratta del male minore" ammesso il rigetto del ricorso della società in sentenza del 10 maggio. E spiega: "Ove la Tra.De.Co. dovesse risultare vincitrice di questa gara ristretta e limitata a soli tre partecipanti (una procedura di urgenza, non preceduta dalla pubblicazione di un bando), in virtù del ricorso presentato al Tar, potrà sempre far valere, nel corso del giudizio, la lamentata riduzione del compenso rispetto all'attuale servizio. Se la tesi della ditta altamurana dovesse essere accolta con la sentenza di merito, ci troveremmo nella condizione di aver comunque affidato il servizio per un anno con una procedura d'urgenza tutta particolare, con i limiti che abbiamo denunciato nelle scorse settimane, senza però ottenere almeno il vantaggio da noi auspicato, vale a dire il risparmio di spesa di circa 800mila euro in un anno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affaire Tradeco Altamura: il Consiglio di Stato conferma la sentenza del Tar

BariToday è in caricamento