Venerdì, 23 Luglio 2021
Gravina Via Borgo, 17

“Ad oggi non abbiamo ancora una sede”: l’appello del Caba al Comune

Il Comitato cittadino per l'abolizione delle barriere architettoniche di Gravina denuncia la situazione in cui versa l'associazione: non ha più una sede. E chiede a Valente: "Quanto dobbiamo aspettare?"

Da via Borgo 17 alla strada. Il Comitato cittadino per l’abolizione delle barriere architettoniche è ancora alla ricerca disperata di una nuova sede e di una risposta da parte del Primo cittadino.  Dopo aver lasciato i vecchi locali per  gli alti costi di gestione non più sopportabili dall’Associazione e  l’assenza dell’Amministrazione comunale, adesso gli incontri con i cittadini si svolgono per le strade della città.

“Ad oggi non abbiamo ancora una sede, incontriamo la gente per strada o in villa” dice il Presidente del Caba, Urbano Lazzari. Circa un mese fa ci fu la proposta da parte del sindaco Alesio Valente di destinare al Comitato un’ala del convento di Santa Sofia, dopo il restauro. Ma occorre ancora tempo e sempre a detta del primo cittadino, non ci sono altri locali comunali agibili per le richieste specifiche che fa il Comitato.

E dunque chiedono e si chiedono: "Quanto dobbiamo ancora aspettare prima di avere una sede idonea alle nostre necessità? Abbiamo ancora tanti problemi da evidenziare per provare a risolverli: lo faremo per strada, ma non ci arrenderemo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Ad oggi non abbiamo ancora una sede”: l’appello del Caba al Comune

BariToday è in caricamento