Gravina

Gravina, spunta verbale "falsificato". Il gip dispone nuove indagini

Dubbi sul verbale in cui Filippo Pappalardi, padre di Ciccio e Tore, riferiva dettagli sull'ultima volta in cui aveva visto i bambini. La data sarebbe stata corretta a penna e posticipata di due mesi. Quel verbale fu fondamentale per l'arresto di Pappalardi

Nuovi sviluppi nella vicenda relativa alla morte di Ciccio e Tore, i due fratellini scomparsi a Gravina nel giugno 2006 e ritrovati morti venti mesi dopo nella cisterna di una vecchia casa abbandonata nel centro storico del paese. Il gip di Bari ha respinto ieri la richiesta di archiviazione presentata dai pm sulla presunta alterazione di uno dei verbali di audizione del padre dei due bambini, Filippo Pappalardi, inzialmente accusato e incarcerato per l'omicidio dei fratellini.

La data di uno dei verbali, infatti, sarebbe stata corretta a penna e posticipata, dal 17 giugno al 17 agosto 2006. Un dettaglio fondamentale, visto che in quel verbale Pappalardi riferiva le circostanze in cui aveva visto i bambini per l'ultima volta e che proprio quell'audizione risultò poi decisiva per l'arresto dell'uomo, detenuto dal 27 novembre 2007 al 27 maggio 2008, fino a quando si scoprì che i bambini erano morti cadendo mentre giocavano nella cisterna della famigerata "casa delle cento stanze".

Il gip ha quindi respinto la richiesta di archiviazione relativa a questo fatto,e ha invece ordinato ai pm di acquisire agli atti del fascicolo tutta la documentazione già citata dal pm della richiesta di archiviazione e contenuta nel fascicolo principale su Ciccio e Tore Pappalardi, sulla base della quale individuare eventualmente nuove ipotesi di reato e responsabili.
 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gravina, spunta verbale "falsificato". Il gip dispone nuove indagini

BariToday è in caricamento