Mercoledì, 23 Giugno 2021
Gravina

Gravina: i genitori di Ciccio e Tore chiedono i danni al Comune

I genitori dei fratellini di Gravina hanno presentato una richiesta di risarcimento al Comune per omessa custodia della casa in cui i due bambini furono trovati morti il 25 febbraio 2008, 20 mesi dopo la loro scomparsa

Dopo più di tre anni dal tragico ritrovamento di Ciccio e Tore, a Gravina si torna a parlare della "casa delle cento stanze", il luogo in cui i due fratellini furono trovati morti il 25 febbraio 2008, 20 mesi dopo la loro scomparsa. I genitori dei due bambini hanno infatti deciso di presentare una richiesta di risarcimento al Comune e ai proprietari della casa per omessa custodia dello stabile.

Ciccio e Tore, scomparsi 5 giugno 2006, furono ritrovati morti 20 mesi dopo, il 25 febbraio 2008, in una cisterna seminterrata dello stabile, nella quale i bambini erano accidentalmente precipitati nel probabile tentativo di nascondersi dal padre che li cercava. I corpi dei due bambini furono ritrovati in maniera del tutto casuale, durante le operazioni di salvataggio di un altro bambino che, dopo mesi dalla scomparsa di Ciccio e Tore, era precipitato nella stessa cisterna mentre giocava con alcuni amici nella casa abbandonata.


Della scomparsa di Ciccio e Tore fu inizialmente accusato il padre, Filippo Pappalardi, arrestato il 7 novembre 2007 con l'accusa di aver ucciso i due fratellini e nascosto i loro corpi. L'uomo rimase agli arresti per quattro mesi, fino al tragico ritrovamento dei corpi. Pappalardi ha chiesto anche allo Stato un risarcimento per ingiusta detenzione da 516mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gravina: i genitori di Ciccio e Tore chiedono i danni al Comune

BariToday è in caricamento