Gravina

Gravina, colpo al clan Di Palma. Sequestrati beni per 20 milioni

Quarto sequestro in un anno per il boss Raffaele Di Palma. Confiscati novanta immobili tra garage, appartamenti e locali commerciali nel quartiere Madonnella di Bari e a Turi, e tre conti correnti, per un valore complessivo di 20 milioni di euro

Alcuni degli appartamenti sequestrati oggi dai carabinieri

Il clan Di Palma di Gravina nuovamente nel mirino degli investigatori. Per la quarta volta in un anno la Procura di Bari ha disposto un sequestro preventivo di beni ai danni del boss 60enne Raffaele Di Palma, più volte condannato per associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata all’estorsione, al traffico di sostanze stupefacenti, omicidio e usura.

I BENI SEQUESTRATI - La confisca, dell'importo complessivo di 20 milioni di euro, ha riguardato all'incirca novanta immobili tra garage, locali commerciali e appartanmenti posseduti indirettamente dal boss attraverso prestanomi nel quartiere Madonnella di Bari e a Turi. Sequestrati anche tre conti correnti aperti presso altrettanti uffici bancari.

LE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI DEL CLAN - Il clan Di Palma di Gravina si è sempre distinto, secondo gli investigatori, da un'elevata "capacità imprenditoriale" grazie alla quale gli affiliati sono sempre riusciti a riciclare in altre attività il denaro proveniente dai traffici illeciti. In particolare nell'ultimo periodo l'attività di riciclaggio era stata affidata a due società edilizie fondate con la complicità di prestanome. Dovendo riciclare denaro “sporco” le due imprese erano in grado in grado di competere sul mercato immobiliare a prezzi concorrenziali, offrendo appartamenti a prezzi molto più bassi rispetto agli imprenditori edili onesti. Inoltre l’ingente disponibilità di liquidi permetteva agli “imprenditori” di non far ricorso al fido bancario per finanziare la loro attività, diventando così "ottimi" clienti per le banche visti i loro conti correnti sempre in attivo.

I PRECEDENTI SEQUESTRI - Il patrimonio del boss Raffaele Di Palma era già stato precedentemente intaccato da sequestri antimafia nei mesi scorsi. L'ultimo era avvenuto sei mesi fa, ad aprile,  quando era stata confiscata dai carabinieri un’impresa edile ed un conto corrente per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro. Ancora prima, nel febbraio 2011, era avvenuto il primo sequestro preventivo, il più consistente: 98 unità immobiliari dislocate non solo nel barese ma anche in regioni limitrofe, quattro società (due edili, una finanziaria e un’artigianale per il confezionamento e la vendita di materassi), tre auto di grossa cilindrata, otto conti correnti. Per un valore complessivo di 30 milioni di euro. Un mese dopo, a marzo 2011, a seguito di ulteriori accertamenti i Carabinieri sequestrano a Di Palma una fiammante Ferrari, una potente Audi, gioielli, depositi bancari e polizze assicurative.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gravina, colpo al clan Di Palma. Sequestrati beni per 20 milioni

BariToday è in caricamento