Gravina

Incendio a "Difesa Grande, Peppino Longo (Udc): "Di chi sono le colpe?"

Il consigliere regionale si interroga sull'ennesimo incendio, quello di sabato scorso, nel bosco gravinese: "Ma perché proprio la torretta di avvistamento è deserta"?

"Il bosco Difesa Grande ancora in fiamme, un'altra grande ferita al patrimonio boschivo della Puglia ed un grande sospetto: tanto si poteva fare per prevenire e controllare ma non è stato fatto", è la pesante denuncia di Peppino Longo, consigliere regionale dell'Udc. E chiama in causa anche il Presidente Nichi Vendola.

 
"L'incendio di sabato scorso al bosco di Gravina, sulla Murgia Barese a confine con la Basilicata - prosegue Longo - ha colpito ancora una volta uno dei polmoni verdi più grandi della nostra regione. Un brutto episodio accaduto a distanza di un paio di settimana dall'altro grande incendio che distrusse duecento ettari. Sorgono, però tanti dubbi, ed uno su tutti si fa forte e per il quale mi rivolgo al governatore Vendola ed agli assessori di competenza: ma perché proprio la torretta di avvistamento del bosco Difesa Grande è "deserta" e non è stata data in gestione?
 
A questo punto mi chiedo - prosegue  - se ci fosse stato qualcuno a controllare si sarebbe potuto evitare questo ennesimo incendio? A mio parere si sarebbero potuti sicuramente limitare i danni ma quel che è peggio è che non si è provveduto a correre ai ripari e ad affidare la gestione della torretta di avvistamento nemmeno dopo il primo grande incendio. Di chi sono le colpe? - conclude Peppino Longo - Da noi, purtroppo, siamo sempre abituati a correre ai ripari e mai, o quasi mai, a prevenire e così siamo costretti a subire un'altra ferita per il nostro territorio".
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a "Difesa Grande, Peppino Longo (Udc): "Di chi sono le colpe?"

BariToday è in caricamento