Martedì, 3 Agosto 2021
Gravina Via Peschiera

Via Peschiera: Nicola Matera ucciso per aver vendicato suo figlio

Il 50enne si era recato a casa del suo assassino per pareggiare i conti, dopo un litigio in cui il figlio aveva avuto la peggio. Ma così non è stato

E’ morto per  difendere “l’onore” della famiglia. Il 50enne gravinese Nicola Matera, detto "faccia d'angelo", ucciso da tre colpi di revolver è morto per vendicare un torto fatto al proprio figlio da parte di Giuseppe Carducci.

IL FATTO Secondo la ricostruzione  degli investigatori, la storia è questa: il figlio di Nicola Matera qualche ora prima dell’assassinio del padre ha litigato con Carducci per l’acquisto di un “Bimby”. Questo piccolo robot da cucina, il giovane Matera l’avrebbe pagato 400 euro, prezzo corrente sul mercato della ricettazione, ma non gli era stato ancora consegnato. E’ scoppiata una rissa tra il figlio ventenne di “faccia d’angelo”, così era stato soprannominato Nicola Matera negli ambienti della mala gravinese,  e il Carducci; il secondo ha avuto la meglio. Matera non appena ha appreso il fatto riferitogli dal figlio , si è recato immediatamente in via Peschiera a casa di Giuseppe Carducci per vendicarsi. Lo ha preso a ceffoni pensando di pareggiare i conti ma il 32enne ha preso la revolver nascosta nella sua Opel Corsa e ha sparato. Tre colpi, indirizzati al petto e all’addome.

Giuseppe Carducci è stato arrestato, come è gia noto, con l’accusa di omicidio, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco. Ma i cittadini hanno paura; paura che sia l’origine di una faida.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Peschiera: Nicola Matera ucciso per aver vendicato suo figlio

BariToday è in caricamento