Gravina

Operazione "trasparenza": dopo l'indagine della GdF, l'appello dei Giovani UdC

Ignazio Lovero, coordinatore della sezione cittadina, chiede a tutti i consiglieri comunali di pubblicare online una rendicontazione della paga percepita. E c'è chi lo ha già fatto: Lagreca del Pd

I cittadini gravinesi chiedono alla politica: “trasparenza”.  Dopo l’indagine avviata dalla Guardia di Finanza sui compensi percepiti dai consiglieri comunali alle sedute delle commissioni permanenti, pretendono a maggior ragione una “rendicontazione” pubblica.  

L’appello parte anche dall’interno dello schieramento politico; dal Movimento giovanile di Unione di Centro. Ignazio Lovero, responsabile della sezione cittadina, ha chiesto a tutti i consiglieri di pubblicare la rendicontazione completa di tutti i compensi percepiti durante le sedute consiliari e quelle delle commissioni. L’invito è rivolto in primis ai consiglieri del suo stesso partito.  Lovero e i “suoi” scrivono: “fate in modo che i cittadini possano guardarvi e ascoltarvi direttamente, senza ostacoli, perché è necessario riavvicinarsi alla gente, visto la grave quanto ingiustificabile reazione di sfiducia verso la poliica”.

Un esempio di  “trasparenza” è quello del democratico Nicola Lagreca, consigliere comunale dimessosi perché nominato assessore, il quale ha già pubblicato online la sua busta paga di rappresentante istituzionale.  E parla di un gesto che non ha nulla di eroico ma è semplicemente un segno di rispetto nei confronti della legge e dei cittadini.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "trasparenza": dopo l'indagine della GdF, l'appello dei Giovani UdC

BariToday è in caricamento