menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

No al deposito di rifiuti radioattivi sulla Murgia, Conca (M5S): "Serve fronte comune"

Consiglio comunale congiunto congiunto tra i comuni di Altamura, Gravina, Matera, Santeramo in Colle, Poggiorsini, Spinazzola e Irsina per dichiarare la “non disponibilità alla localizzazione del deposito nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del parco Tecnologico”. Il consigliere pentastellato: istituzioni locali siano compatte

In seguito al consiglio comunale congiunto tra i comuni di Altamura, Gravina, Matera, Santeramo in Colle, Poggiorsini, Spinazzola e Irsina, che si è tenuto questo pomeriggio nel corso del quale si è discussa una delibera per dichiarare la “non disponibilità alla localizzazione del deposito nazionale destinato allo smaltimento a titolo definitivo dei rifiuti radioattivi e del parco Tecnologico” nei comuni del territorio murgiano, si esprime il consigliere regionale M5S Mario Conca: “Una importante iniziativa proposta proprio dal Movimento 5 Stelle che, con la presentazione di una mozione sia nel comune di Altamura che in quello di Gravina - dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Mario Conca - chiedeva di avviare un coordinamento istituzionale che portasse a formalizzare la contrarietà dei territori e a combattere la possibilità che i rifiuti radioattivi possano trovare sede nell’Alta Murgia. Tuttavia auspico fortemente - dichiara Conca - che le istituzioni locali facciano fronte comune non solo per scongiurare la minaccia delle scorie nucleari ma anche per debellare le criticità ambientali che già sono presenti sul territorio”, il riferimento è alle discariche illegati ed agli sversamenti abusivi, fenomeni che a dire di Conca “necessitano urgentemente di una mappatura e di controlli seri, perché è inaccettabile che si continui ad inquinare il nostro territorio, con il forte sospetto che ciò sia alla base dell’incremento di malattie fra i nostri concittadini, e purtroppo anche dell’incidenza tumorale. Scorie nucleari, sversamenti e discariche, - conclude Conca - stridono con le peculiarità di una regione che non può starsene immobile a guardare un film già visto con il Tap, le Trivellazioni e la Xylella.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento