Altamura Altamura

Una firma per cava Pontrelli, la petizione lanciata da alcuni architetti

Un gruppo di professionisti altamurani hanno lanciato una petizione per riportare l'attenzione sulla cava. "Non ci sembra sensato compromettere la testimonianza di antiche popolazioni"

“Un invito a riflettere”; questo è l’incipit della petizione, ma anche una premessa e ancora, il fine ultimo. Un gruppo di architetti pubblica una petizione online che ha come oggetto la situazione della ormai nota cava dei dinosauri. “Nonostante tutte le sventure urbanistiche di questa città-scrivono- fra le poche certezze che avevamo più o meno conclamate, vi erano il rispetto delle destinazioni d’uso delle aree indicate nel nostro P.R.G. ed il rispetto dei vincoli imposti dalle Soprintendenze (Archeologica e dei Beni Architettonici). A causa dell’Accordo di Programma proposto all’Amministrazione Comunale sull’area archeologica in Via Vecchia Buoncammino, sembra che dobbiamo rassegnarci a perdere anche queste ultime certezze".

IL FATTO - L’area in questione, pari complessivamente a 5.527 metri quadri (di proprietà privata) è attualmente tipizzata G5 zona archeologica dal vigente P.R.G., praticamente inedificabile (salvo per 193 metri quadri). Ma l’impresa che propone l’Accordo di Programma chiede di poter realizzare su questa area dei fabbricati destinati a residenze ed attività commerciali per 13.709 metri cubi". Perchè,  riitiene, che con questo intervento si possa ottenere un doppio intervento di riqualificazione dell’area sia a livello funzionale, che a livello di recupero e fruizione dei resti archeologici.

 
IL PROBLEMA è che, come spiegano gli addetti ai lavori nella petizione, “non riusciamo a intravedere quali possano essere i vantaggi per la collettività, tali da determinare il “pubblico interesse” a giustificazione della richiesta di Accordo di Programma. L’intervento proposto vede la realizzazione di corpi di fabbrica sul il perimetro del sito, a ridosso della viabilità esterna, relegando i resti archeologici praticamente in una sorta di cortile condominiale accessibile alla collettività da un porticato libero solo su un lato. La risposta si nasconde probabilmente dietro i vantaggi che ne avrebbe l’impresa proponente:”una volumetria di 13.709 metri cubi che oggi significa, in termini economici, non meno di 4 milioni di euro, a fronte di un valore attuale praticamente nullo”
 
Questi punti descritti sono solo una parte della dettagliata argomentazione  riportata nella petizione che è interamente pubblicata su https://www.petizionionline.it/petizione/accordo-di-programma-zona-archeologica-in-via-vecchia-buoncammino-altamura/7354.  Intanto è stata approvata  la richiesta di Aria Fresca per un consiglio comunale monotematico che ha come oggetto proprio il presente e il futuro di questa importante area archeologica; si terrà il 17 luglio.
 
A conclusione: "Confidiamo, inoltre, nel buon senso della Soprintendenza affinchè non arrivi a dare il parere positivo definitivo a questo intervento".
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una firma per cava Pontrelli, la petizione lanciata da alcuni architetti

BariToday è in caricamento