Venerdì, 30 Luglio 2021
Santeramo in Colle

Giornata della memoria, le riflessioni della Giovane Italia

"L'Olocausto del popolo ebraico non può e non deve essere dimenticato e noi giovani, in primis, abbiamo il dovere morale e umano di scongiurare gli immani errori compiuti"

“Il ricordo ma anche la consapevolezza di riconoscere i propri errori è la conditio sine qua non per far sì che il male non riaccada”. E’ l’esordio di una nota diffusa dalla Giovane Italia per la celebrazione della “giornata della memoria” in ricordo delle vittime della Shoah.

“L’Olocausto del popolo ebraico – scrivono-non può e non deve essere dimenticato come non può essere né dimenticata né in nessun modo giustificata, l’efferatezza con la quale i Nazisti lo misero in pratica, sterminando oltre che Ebrei ,anche disabili, prigionieri di guerra, omosessuali, dissidenti politici, persone e di etnie ritenute “indesiderabili” dalla Germania nazista”.

“La storia- concludono- ci insegna e noi giovani, in primis, abbiamo il dovere morale e umano di scongiurare gli immani errori compiuti dall’uomo nei confronti dei suoi simili, incoraggiando la tolleranza, il dialogo, la comprensione ma soprattutto cercando di concepire la diversità come uno stimolo alla crescita e non come oggetto di emarginazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della memoria, le riflessioni della Giovane Italia

BariToday è in caricamento