menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Questi amici hanno il diritto di salutare il loro sindaco?": Michele D'Ambrosio in visita a Bulach

Il primo cittadino ha annunciato il viaggio sulla sua bacheca facebook. E’ stato invitato a presenziare ad alcuni eventi nel prossimo week-end nella cittadina svizzera gemellata con Santeramo

“Non ho esitato, il 17 e 18 sarò con loro, con la fascia tricolore, per sentire l'emozione di stare con loro!”. Così Michele D’Ambrosio accetta l’invito pervenutogli dai santermani residenti a Bulach e dal sindaco della città per il 17 e 18 novembre.

Il primo cittadino ha annunciato il viaggio sulla sua bacheca facebook. E’ stato invitato a presenziare ad alcuni eventi che si svolgeranno durante il prossimo week-end nella cittadina svizzera e sarà anche un’occasione per farsi conoscere dai cittadini santermani ivi residenti. Bulach è una cittadina del Canton Zurigo di 15.213 abitanti ed è gemellata con il Comune di Santeramo in Colle da ormai 5 anni. Il gemellaggio è stato fortemente voluto proprio da cittadini murgiani trasferitisi in Svizzera per motivi di lavoro.

“Ho riflettuto prima di accettare- scrive DìAmbrosio- poi ho fatto una semplice ricerca: santermani nati a Bulach 374, santermani nati a Zurigo 468, attualmente residenti a Bulach 240, attualmente residenti a Zurigo 314”. E continua: “Mi sono detto: ma questi nostri amici e familiari hanno il diritto di sentirsi pensati, incontrati, ascoltatati? Hanno il diritto di salutare il "loro" Sindaco?”. E così Michele D’Ambrosio partirà alle volte di Bulach con il consigliere di maggioranza Fabio Sampaolo e il consigliere di minoranza Francesco Caponio perché “ho deciso che la delegazione deve rappresentare tutto il Consiglio comunale e non solo la maggioranza”.

 



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento