Mercoledì, 28 Luglio 2021
Altamura Via Bari

Parco Nazionale dell'Alta Murgia, sequestrata strada abusiva. Tre denunce

I forestali hanno accertato che il tracciato stradale non è stato oggetto di opere manutentive, bensì di una realizzazione ex novo che compromette il delicato ecosistema del Parco

In tre sono finiti nel mirino dei militari del Corpo Forestale dello Stato e dopo una lunga indagine sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria perché implicati nella realizzazione di una stradina abusiva all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Tra questi c’è anche il Dirigente del Governo del Territorio di Altamura.
 
Gli uomini del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente della Forestale   a seguito dell’esecuzione dell’Ordinanza emessa dal Tribunale di Bari, hanno proceduto nei giorni scorsi ad effettuare il sequestro preventivo della strada comunale “Contenisio” n. 47 ad Altamura, per km 1,5 circa, a partire dall’accesso che avviene dalla S.S. 96 Bari – Altamura. Le indagini dei forestali, durate due anni, hanno permesso di accertare che il tracciato stradale preesistente all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia non è stato oggetto di opere manutentive, presupposto in forza del quale sono stati rilasciati i vari permessi ed autorizzazioni, bensì di una realizzazione ex novo.

Infatti l’aumento della sede stradale da m. 2.50 a m. 6.50 con l’abbattimento e lo sradicamento di alberi e vegetazione spontanea ha comportato nella realtà la realizzazione di una nuova opera in violazione delle normative urbanistiche e ambientali. La procura ha evidenziato le rilevanti implicazioni che i lavori hanno determinato e possono ulteriormente causare sul delicato ecosistema del Parco dell’Alta Murgia. Lo stesso utilizzo della strada, così come ricostruita, determina un vulnus potendosi ipotizzare un uso del tutto sproporzionato rispetto alle esigenze di salvaguardia del complesso ecosistema.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Nazionale dell'Alta Murgia, sequestrata strada abusiva. Tre denunce

BariToday è in caricamento