Venerdì, 17 Settembre 2021
Altamura Altamura

Il sindaco Mario Stacca respinge le proposte dei democratici

Il primo cittadino commenta le proposte del Partito Democratico riguardanti la riduzione dei costi della Politica e della patrimoniale: "non sono risolutive, minimamente sufficienti"

Il sindaco Mario Stacca e parte dell'Amministrazione  respingono le proposte del Partito Democratico, ritenendole "non risolutive". Già da tempo il Pd insieme ai partiti di minoranza in Consiglio proponevano alcune soluzioni per meglio far quadrare il Bilancio comunale; nell'ultimo periodo riguardavano principalmente la dibattuta questione della patrimoniale.  Alla domanda di una riduzione dei costi della Politica il primo cittadino aveva già fornito una risposta sulle pagine di BariToday: "il centrosinistra è sempre troppo polemico, polemiche tra l'altro poco costruttive". Ieri giunge un'altra nota da Palazzo di Città che vi riportiamo qui sotto.

LA PREMESSA Ma il sindaco, in tutta risposta scrive: "leggiamo con molta attenzione le strumentali proposte del PD di Altamura il quale dimentica che lo stesso partito amministra in Italia migliaia di Comuni, decine di Province e moltissime Regioni che si trovano nella stessa situazione del nostro Comune". 
 
LA SPIEGAZIONE "Pur con tutta la buona volontà e collaborazione, le proposte indicate dal PD non sono minimamente sufficienti a coprire i tagli del Governo nazionale che sono pari a circa 9 milioni di euro perché genererebbero un risparmio di alcune decine di migliaia di euro.  I tagli alla giunta ed alle indennità di carica porterebbero sì e no a risparmiare 30-40 mila euro, peraltro lorde, e su cui lo Stato incassa le tasse. Maggiore risparmio l’Amministrazione ha ottenuto già quando, in fase di programmazione della macchina comunale, ha eliminato un posto da Dirigente.
 
Per i lavori delle Commissioni consiliari, il Sindaco è stato il primo a chiedere una gestione delle convocazioni proporzionale alla ben nota produttività delle stesse! I dati ci dicono che solo di indennità, tra sedute di consiglio e commissioni, nel 2011 sono stati spesi 167.000 euro, a cui vanno aggiunti i costi del personale che assiste (segreteria, notifiche, fotocopie, ecc.). Discutiamone, c’è la massima collaborazione. Non esistono indennità negli enti partecipati dal Comune ma solo qualche gettone di presenza di alcune decine di euro.
 
Cionondimeno è all’attenzione della maggioranza la riduzione delle spese legate al funzionamento della politica. E’ superfluo ricordare che tale riduzione non è imposta dalla legge ma attiene a scelte personali e volontarie". 
 
LA RISPOSTA AL PD  - "Il Comune non affida consulenze ma dà incarichi legali per cause che i cittadini o imprese muovono contro l’Ente. Sui contenziosi avviati nel 2011, su un totale di 585, ben 402 hanno riguardato il Comando di Polizia municipale per multe, infrazioni, ecc; 9 il settore Tributi; 174 sono il contenzioso puro relativo a gare di appalto, ordinanze e questioni edilizie. Una parte del contenzioso è stata affidata all’avvocato interno che da solo non può certamente far fronte alla mole di lavoro. I professionisti incaricati di difendere gli interessi del Comune sono stati 107. 
 
- Non ci sono immobili sfitti da poter adibire ad uffici comunali. In questi anni, è bene ricordarlo a tutti, questa Amministrazione si è impegnata notevolmente nell’abbattimento di fitti passivi come per gli uffici in corso Umberto I; via Bresso, via Mercantini e via Aosta (locali adibiti a scuole); prossimo trasferimento comando dei vigili urbani in via del Mandorlo con cessazione contratto di locazione corrente. Inoltre ha fatto e continua a portare avanti una politica di adeguamento delle locazioni di immobili pubblici anche attraverso azioni di tipo legale. 
 
- La proposta di incrementare la Tosap per il mercato settimanale è contro legge: le tasse non possono essere ad personam. Le tariffe si applicano in base a metri quadri e tempi di utilizzo. Infine, sull’evasione, i controlli già si fanno, compatibilmente con le risorse umane a disposizione".
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco Mario Stacca respinge le proposte dei democratici

BariToday è in caricamento