Giovedì, 29 Luglio 2021
Altamura

I cittadini e i disagi del mercato settimanale: la soluzione del sindaco Stacca

Pochi giorni fa un articolo in cui denunciavamo i disagi dei cittadini che abitano nella zona compresa tra via Treviso e via Manzoni. Oggi la risposta del primo cittadino: "Non siamo insensibili"

“L’Amministrazione Comunale non è né muta né cieca né sorda sulla questione del mercato settimanale”. E’ quanto ci ha detto il sindaco Mario Stacca; lo scorso 26 giugno abbiamo pubblicato una lettera espressione unanime dei disagi vissuti da una buona parte di altamurani. E precisamente dai residenti del quartiere che il sabato ospita il mercato settimanale, zona compresa tra via Treviso e via Manzoni.

Il problema maggiore, stando a quanto ci è stato scritto dai lettori, è la sensazione di sentirsi soli e ignorati perché l’empasse vissuta il sabato a partire dalle 7.30 del mattino fino alle 14.30 ora in cui i venditori ambulanti smontano le bancarelle, è conosciuta ormai da anni da parte degli amministratori. Ma è tuttora rimasta irrisolta.
 
Il sindaco Stacca ha detto: “Non siamo insensibili come il cittadino scrivente vuole farci passare. Conosciamo benissimo i disagi dei cittadini e sono state adottate tutte le necessarie misure per ridurli e per limitare l’impatto sia degli operatori commerciali che della folla, in grande parte – è bene ricordarlo – formata da cittadini altamurani che trovano utile tale servizio”. Quindi dopo aver riconosciuto questa realtà vissuta in una parte della città, Stacca spiega come in passato siano state tentate altre strade per localizzare il mercato altrove ma non c’è stato “il necessario consenso sociale (esempio, da parte delle associazioni di categoria o cittadini di altre zone) per farlo. Né c’è stata la possibilità tecnica, per mancanza degli spazi necessari, quando si è proposto di spostarlo sulla strada di collegamento tra via Corato e piazza Stazione”. 
 
LA SOLUZIONE adottata è questa: “ proprio al fine di ridurre ulteriormente i disagi dei residenti, la Giunta comunale ha deliberato appena recentemente di lasciare vuote 10 postazioni del mercato settimanale che si sono rese libere. E’ stato infatti stabilito che se dovessero arrivare nuove istanze di occupazione del suolo pubblico, tali postazioni non saranno occupate ma resteranno libere. Tale criterio sarà utilizzato anche in futuro quando ci saranno altre decadenze da parte di operatori mercatali e si libereranno altre aree. Tutto ciò è mirato ad un ridimensionamento dello stesso mercato settimanale”. Le bancarelle comunque  “non sono 400, bensì circa 300”. 
 
 
 
 
 
 
 
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cittadini e i disagi del mercato settimanale: la soluzione del sindaco Stacca

BariToday è in caricamento