Operaio trovato morto nella piscina di una villa, giallo a Terlizzi

Il ritrovamento sabato pomeriggio. L'uomo, un algerino di 26 anni, stava lavorando alla manutenzione del giardino insieme ad altri due operai. La Procura ha disposto l'autopsia per fare chiarezza sulle circostanze della morte

E' mistero a Terlizzi per la morte di un 26enne algerino, il cui corpo è stato ritrovato sabato pomeriggio sul fondo della piscina di una villa privata nei pressi della provinciale che porta a Molfetta.

L'uomo stava lavorando alla manutenzione del giardino della villa insieme ad altri due operai, un cittadino albanese e un uomo di Terlizzi. Ad un certo punto della mattinata i due operai avrebbero perso di vista il 26enne, ma non si sarebbero preocuppati per il suo allontanamento. A ritrovare il corpo e a lanciare l'allarme è stato invece il nipote dei proprietari della villa, un ragazzino di 10 anni, che tuffandosi si è accorto della presenza del cadavere sul fondo della vasca.

Sulle circostanze della morte del 26enne  indaga adesso la Procura, che ha disposto l'autopsia. Secondo quanto si è appreso, dai primi risultati dell'ispezione cadaverica nei polmoni della vittima non sarebbero state trovate grandi quantità di acqua. Si tratta ora di capire se l'uomo sia annegato colto da un malore mentre faceva il bagno, oppure se possa essere stato prima ucciso, o comunque colpito, e poi gettato in acqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, terribile tragedia nel Barese: uomo investito e ucciso mentre stava tornando a casa

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Crollano calcinacci dal cavalcavia della SS16, danni alle auto: tratto chiuso al traffico

  • Lotta ai tumori, il cioccolato 'nero' è un alleato della prevenzione. Ricercatore di Bari: "20 grammi ogni due giorni"

  • Attimi di tensione in una scuola, papà entra e schiaffeggia 14enne: "Lascia stare mio figlio"

  • Famiglia pugliese beffata in un bar di Roma: 120 euro per quattro panini e quattro bibite perché "vicini al Vaticano"

Torna su
BariToday è in caricamento