Assalto con sparatoria al Banco di Napoli in viale Salandra: scatta il blitz, sette persone arrestate

Le ordinanze sono state eseguite questa mattina tra Bari, Roma e Napoli. L'episodio risale a giugno del 2017: in quell'occasione si verificò un conflitto a fuoco che costrinse i malviventi alla fuga

Sono sette le persone arrestate questa mattina dalla polizia tra Bari, Napoli e Roma. Per alcune è stata disposta la misura cautelare in carcere, per altre i domiciliari. Si tratta dei presunti responsabili di un assalto con sparatoria davanti all'agenzia del Banco di Napoli in viale Salandra, avvenuto il 12 giugno 2017.

>>> I NOMI DEGLI ARRESTATI <<<

La sparatoria in viale Salandra

Gli arrestati sono accusati a vario titolo di tentata rapina aggravata, detenzione e porto illegale d’armi da fuoco, furto, ricettazione e riciclaggio. In quella circostanza, i malviventi, a volto coperto e armati con fucili e pistole semiautomatiche, assalirono i vigilanti dell'Ivri col tentativo di impossessarsi del danaro contenuto in banca. Uno dei malviventi non esitò a sparare dei colpi verso l'interno della camera di sicurezza della banca, provocando la reazione delle guardie che risposero al fuoco, riuscendo a far fuggire i rapinatori. Uno di questi, nel corso della sparatoria, rimase anche ferito al torace e al braccio sinistro.

La ricostruzione della Squadra Mobile

Le indagini della Squadra Mobile, coordinate dal procuratore Domenico Minardi, hanno consentito di ricostruire le fasi organizzative ed esecutive del tentato colpo. Gli inquirenti, dopo aver rinvenuto una delle auto utilizzate per la tentata rapina, una Fiat Bravo di colore Bordeaux, interrogarono il malvivente ferito, Massimiliano Monacelli, il quale confessò di aver partecipato al colpo, rivelando alcuni dettagli: tra i particolari, hanno spiegato gli investigatori nel corso di una conferenza stampa in Questura, anche il prezzo pagato a uno dei complici della tentata rapina per assicurare al gruppo criminale uno dei veicoli da utilizzare per l’assalto. Gli investigatori recuperarono poi anche anche le armi adoperate nel colpo: una di queste risultò provento di furto. In base agli accertamenti, la rapina sarebbe stata pianificata nelle vicinanze del Mc Donald's del quartiere San Paolo, attraverso una riunione alla quale avrebbero partecipato Biagio e Massimiliano Monacelli, Antonio Attolico, Massimo Margheriti e Michele Costantino. Di lì poi l'assalto nella mattinata del 12 giugno, non portato a termine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ladri in casa nel cuore della notte (con i proprietari dentro): è allarme furti nel Barese

  • Giovane mamma morta dissanguata dopo l'urto contro una vetrata: chiesto processo per il compagno

  • Apre il nuovo 'sottopasso giallo' di Bari Centrale: più largo, con ascensori e aperto anche alle bici

  • Il pollo fritto del Kfc arriva a Bari: lavori in corso per il nuovo ristorante della Stazione Centrale

  • Via gli pneumatici, le auto parcheggiate finiscono 'sospese' sui sassi: ladri in azione a Bari

  • Stipendi in ritardo e negozio a rischio chiusura, lavoratori di Centro Convenienza in protesta: futuro incerto per 15 dipendenti

Torna su
BariToday è in caricamento