Neonata morta al Giovanni XXIII, indagati tre medici per omicidio colposo

La bambina di quattro mesi era ricoverata con la madre nell'ospedale pediatrico. L'iscrizione al registro degli indagati è un atto dovuto

Sono finiti nel registro degli indagati per omicidio colposo - come atto dovuto - tre medici dell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII, in servizio la notte in cui è morta una bambina di quattro mesi, ricoverata con la madre in uno dei reparti per problemi bronco-respiratori.

La piccola, ricoverata con diagnosi di bronchiolite, era tenuta sotto controllo e le sue condizioni sembravano stabili. Nella notte tra lunedì 29 e martedì 30 maggio, però, dopo l'ultima poppata avvenuta intorno alle due, la bambina si sarebbe riaddormentata nella culla per poi essere ritrovata senza vita all'alba. Il pm che coordina l'indagine della Polizia, Baldo Pisani, ha stabilito che venga eseguita l'autopsia sul corpo della piccola, così da scoprire se il decesso è avvenuto per un errore del personale sanitario o per un possibile rigurgito nel sonno. Gli accertamenti saranno disposti dal pm il prossimo 7 giugno e affidati al medico legale Francesco Introna e al neonatologo Nicola Laforgia del Policlinico di Bari.
 

Potrebbe interessarti

  • Perchè le zanzare pungono proprio te?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • C'era una volta la 'Cialdèdde'

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

I più letti della settimana

  • Violento nubifragio si abbatte su Bari: grandine e forte pioggia, disagi dal centro alle periferie

  • Nubifragio nella notte in città, tromba d'aria a Torre a Mare: danni alle barche e ai locali della piazzetta

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Furti di auto nei park & ride e nei parcheggi degli ospedali: i nomi dei 6 arrestati

  • "Due minuti per un furto", presa banda di ladri d'auto: colpi nei park&ride e negli ospedali

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

Torna su
BariToday è in caricamento