Arte e mobilità si uniscono nel sottopasso 'Bari Parco Sud'

Oggi è stato inaugurato il sottopassaggio ferroviario di Bari Parco Sud che unirà viale Japigia a via Balestrero. All'interno è possibile trovare una mostra permanente d'arte contemporanea dell'Accademia delle Belle Arti

Il sindaco Emiliano all'inaugurazione odierna

Come si coniugano mobilità e arte? La risposta è semplice: per ricavarla basta visionare quello che dalla mattinata di oggi è il nuovo mix fra cultura e viabilità pedonale. Stiamo parlando del sottopassaggio pedonale di Bari Parco Sud che in mattinata è stato inaugurato alla presenza del sindaco Emiliano.

Tunnel ciclo-pedonale lungo sessanta metri e dotato di rampe a scivolo per le persone a ridotta capacità motoria, il sottopasso in questione collega direttamente viale Japigia e via Balestrero, luogo dove è presente Parco Perotti. La grande innovazione del canale, però, sta nel suo 'contenuto': all'interno del sottopasso, infatti, è possibile osservare una serie di creazioni d'arte contemporanea effettuate da vari rappresentanti dell'Accademia delle Belle Arti di Bari. Un'installazione artistica permanente intitolata "Transiti d'Arte" che rientra nel programma condiviso fra Regione Puglia, Comune di Bari, Rete Ferrioviaria Italiana e Accademia delle Belle Arti.

L'investimento totale per l'apertura del sottopasso Bari Parco Sud è di 650mila euro, cifra che comprende un sistema di videosorveglianza composto da ventiquattro telecamere, un sistema audio per le comunicazioni di emergenza collegato alla Sala Operativa del Comando dei Vigili Urbani e un impianto di comando a distanza dei cancelli dislocati sugli accessi ai binari. A ciò, si aggiunge anche l'attivazione del sottopasso di Bari Marconi, un progetto già in fase di realizzazione.

Un inconsueto mix di soddisfazione e timore ha espresso il sindaco Emiliano, contento per l'unione di arte e mobilità ma preoccupato per l'eventuale salvaguardia delle opere: "Dar vita a una galleria d'arte metropolitana sotto i binari ferroviari è un'iniziativa bellissima. Da oggi i baresi potranno percorrere a piedi o in bicicletta il sottopassaggio che collega Japigia al mare e, al tempo stesso, ammirare le opere di giovani artisti locali che avranno una vetrina insolita ed originale. Il diritto alla mobilità, la sostenibilità e l'arte contemporanea - prosegue Emiliano - trovano così una sintesi straordinaria. Mi auguro che il presidio di oggi possa essere una sorta di inizio per una invasione di bellezza per la città. Al tempo stesso, però - ha precisato il sindaco - sono preoccupato per la sicurezza di tale installazione. La zona, purtroppo, non è molto trafficata e il sistema di videosorveglianza potrebbe essere in qualsiasi momento devastato. Per questo - ha concluso Emiliano - spero di riuscire ad organizzare un presidio di guardia permanente o dei sistemi di controllo più rigidi al fine di tutelare questo eccellente presidio inaugurato oggi".

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Ferragosto 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • 5 benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Si sente male in vacanza in Salento, ricoverata da Lecce a Bari: muore bimba di un anno

  • L'alga tossica 'invade' il litorale barese, le analisi Arpa: alte concentrazioni da Giovinazzo a San Giorgio

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Motociclista cade sulla provinciale vicino Altamura: perde la vita centauro 39enne

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

Torna su
BariToday è in caricamento