Arte e mobilità si uniscono nel sottopasso 'Bari Parco Sud'

Oggi è stato inaugurato il sottopassaggio ferroviario di Bari Parco Sud che unirà viale Japigia a via Balestrero. All'interno è possibile trovare una mostra permanente d'arte contemporanea dell'Accademia delle Belle Arti

Il sindaco Emiliano all'inaugurazione odierna

Come si coniugano mobilità e arte? La risposta è semplice: per ricavarla basta visionare quello che dalla mattinata di oggi è il nuovo mix fra cultura e viabilità pedonale. Stiamo parlando del sottopassaggio pedonale di Bari Parco Sud che in mattinata è stato inaugurato alla presenza del sindaco Emiliano.

Tunnel ciclo-pedonale lungo sessanta metri e dotato di rampe a scivolo per le persone a ridotta capacità motoria, il sottopasso in questione collega direttamente viale Japigia e via Balestrero, luogo dove è presente Parco Perotti. La grande innovazione del canale, però, sta nel suo 'contenuto': all'interno del sottopasso, infatti, è possibile osservare una serie di creazioni d'arte contemporanea effettuate da vari rappresentanti dell'Accademia delle Belle Arti di Bari. Un'installazione artistica permanente intitolata "Transiti d'Arte" che rientra nel programma condiviso fra Regione Puglia, Comune di Bari, Rete Ferrioviaria Italiana e Accademia delle Belle Arti.

L'investimento totale per l'apertura del sottopasso Bari Parco Sud è di 650mila euro, cifra che comprende un sistema di videosorveglianza composto da ventiquattro telecamere, un sistema audio per le comunicazioni di emergenza collegato alla Sala Operativa del Comando dei Vigili Urbani e un impianto di comando a distanza dei cancelli dislocati sugli accessi ai binari. A ciò, si aggiunge anche l'attivazione del sottopasso di Bari Marconi, un progetto già in fase di realizzazione.

Un inconsueto mix di soddisfazione e timore ha espresso il sindaco Emiliano, contento per l'unione di arte e mobilità ma preoccupato per l'eventuale salvaguardia delle opere: "Dar vita a una galleria d'arte metropolitana sotto i binari ferroviari è un'iniziativa bellissima. Da oggi i baresi potranno percorrere a piedi o in bicicletta il sottopassaggio che collega Japigia al mare e, al tempo stesso, ammirare le opere di giovani artisti locali che avranno una vetrina insolita ed originale. Il diritto alla mobilità, la sostenibilità e l'arte contemporanea - prosegue Emiliano - trovano così una sintesi straordinaria. Mi auguro che il presidio di oggi possa essere una sorta di inizio per una invasione di bellezza per la città. Al tempo stesso, però - ha precisato il sindaco - sono preoccupato per la sicurezza di tale installazione. La zona, purtroppo, non è molto trafficata e il sistema di videosorveglianza potrebbe essere in qualsiasi momento devastato. Per questo - ha concluso Emiliano - spero di riuscire ad organizzare un presidio di guardia permanente o dei sistemi di controllo più rigidi al fine di tutelare questo eccellente presidio inaugurato oggi".

Potrebbe interessarti

  • Abitano tra le vostre lenzuola, lo sapevate? Sono gli acari della polvere

  • Puntura di medusa: cosa fare e...cosa non fare

  • Come pulire il vetro del forno: i consigli per eliminare lo sporco ostinato

  • Piscine all'aperto a Bari e dintorni: quali e dove sono

I più letti della settimana

  • Moto prende fuoco dopo l'impatto con un'auto: giovane centauro muore sulla Statale 16

  • Bari vecchia set fotografico d'alta moda: le modelle di Versace tra le 'signore delle orecchiette'

  • "Mio figlio pestato in spiaggia", l'appello di un papà sui social: "Chi sa qualcosa ci aiuti"

  • Schianto in Tangenziale, almeno un ferito: auto si ribalta, coinvolto pulmino. Traffico in tilt e rallentamenti

  • Incendio distrugge l'ex ristorante l'Ancora a Palese, Decaro: "Non fate paura. Avanti con il bando"

  • Abitano tra le vostre lenzuola, lo sapevate? Sono gli acari della polvere

Torna su
BariToday è in caricamento