Filobus Bari-Carbonara, Decaro: “Siamo pronti”

"L'Amtab nominerà a giorni il direttore di esercizio. Entro Natale il servizio potrebbe essere già pronto"

Sarebbe dovuto partire due anni fa. Ma, si sa, i tempi della burocrazia non collimano con quelli dell’annuncio politico e spesso si rimane sospesi in attesa di una qualche schiarita. E’ il caso del filobus che dovrebbe tornare a collegare Carbonara con la stazione centrale di Bari. Condizionale d’obbligo dato che per mesi nessuno ha saputo più nulla, tanto da sollecitare in più di una persona il desiderio di comprendere perché il progetto si fosse bloccato. In realtà, con quasi due anni di ritardo, i lavori per la realizzazione dei filobus sono stati terminati e nei messi scorsi i tecnici del ministero hanno terminato i test di agibilità dei mezzi. Le tratte dei filobus sono due: una collegherà Bari con Carbonara e l’altra Carbonara con Ceglie. I costi sostenuti dall’amministrazione comunale ammontano a 3 milioni e 600mila euro. La scorsa primavera il Comune ha chiesto alla Regione un contributo economico aggiuntivo (470mila euro, ndr) ai circa 20 milioni di euro che ogni anno arrivano nelle casse di Palazzo di Città per gestire l’intero servizio dei trasporti.

“Abbiamo dovuto affrontare una serie di problemi – commenta Decaro -. La Regione si trova in difficoltà in ragione della riduzione dei trasferimenti statali, ma una minima quota di finanziamento sarà erogata”. “Presto – continua il consigliere delegato alla Mobilità” – l’Amtab nominerà il direttore di esercizio che rappresenta una figura professionale prevista per legge e quindi necessaria per avviare il servizio. Dopodiché saranno eseguiti dei corsi di formazione per dipendenti e credo che entro Natale si possa inaugurare in modo ufficiale il filobus”.

Tuttavia, il servizio non partirà a regime. Nonostante i sette mezzi che l’azienda ha parcheggiato nel suo stabilimento, è probabile che la mancanza di ulteriori risorse ad hoc, porterà la municipalizzata a compiere delle scelte: “Se dovesse esserci questa necessità – conclude Decaro – si faranno partire i mezzi in modo alternato, intanto però pensiamo a riavviare il filobus in modo da offrire ai baresi un’alternativa in più per i loro spostamenti quotidiani”. Basteranno due mesi? E’ il caso di far partire il conto alla rovescia e verificare.

 

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

  • ''La Uascèzze''

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

Torna su
BariToday è in caricamento