"Furti dai bagagli scaricati all'aeroporto di Bari", condannati tre addetti

Paolo Giuliesi, Vincenzo Minafra, e Pasquale Caldarulo erano sotto processo per i casi di furto nel periodo 28 aprile - 26 agosto 2012 su diversi voli Alitalia

Sono stati condannati dal Tribunale di Bari Francesco Paolo Giuliesi, Vincenzo Minafra, e Pasquale Caldarulo, tre ex dipendenti del consorzio AS-GH accusati di aver trafugato oggetti dai bagagli delle stive degli aerei in transito dall'aeroporto di Bari Palese. 

Sono decine gli episodi - registrati dalle microcamere nascoste dalla Polizia - che hanno convinto i giudici a condannare i tre con pene detentive e pecunarie, infliggendo sei anni e otto mesi, oltre a 1.800 euro di multa a Giuliesi, sette anni e quattro mesi e una multa da 2mila euro a Minafra e quattro anni e sei mesi, con 1.250 euro di multa, per Caldarulo. Una quarta persona è stata invece assolta dai reati. 

Le indagini delle Forze dell'Ordine si sono concentrate sul periodo 28 aprile - 26 agosto 2012 e sui voli Alitalia che coprivano le tratte Bari-Roma, Bari-Milano Linate e Bari-Venezia, nell'ambito di uno dei sette stralci dell'inchiesta inizialmente condotta dalla Procura di Lamezia Terme che a maggio 2013 portò all'arresto di 85 persone in tutta Italia, di cui sette a Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

Torna su
BariToday è in caricamento