"C'è un incendio": centro commerciale evacuato, ma è un falso allarme

E' accaduto a Molfetta, nel centro 'La Mongolfiera': all'annuncio di evacuare la struttura, diffuso attraverso gli altoparlanti, le migliaia di persone che si trovavano all'interno si sono riversate nel parcheggio, e non sono mancate scene di panico. Per fortuna l'allarme è rientrato: resta da capire cosa abbia fatto scattare il sistema antincendio

Scatta il sistema antincendio, e dagli altoparlanti viene diffuso l'ordine di evacuare il centro commerciale. In pochi istanti è il caos: le migliaia di persone presenti nella struttura si riversano nei parcheggi, alla ricerca di una via di fuga. Scene di panico e urla, sul posto arrivano carabinieri e ambulanze. E' accaduto questa sera nel centro commerciale 'La Mongolfiera' di Molfetta. Successivamente, però, è stato accertato che si è trattato di un falso allarme, e l'allerta è rientrata. Resta da capire tuttavia cosa abbia 'indotto in errore' il sofisticato sistema anticendio della struttura.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento