Disastro aereo Capo Gallo, i familiari: "Mattarella non conceda la grazia ai piloti"

L'appello al presidente della Repubblica è arrivato durante la cerimonia di commemorazione a Parco Perotti. Nell'incidente morirono nel 2005 16 persone

Un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, perché non sia concessa la grazia alle sette persone condannate per il disastro aereo di Capo Gallo. A chiederla  sono i familiari delle vittime dell'incidente aereo avvenuto il 6 agosto 2005, che causò la morte di 16 persone (14 pugliesi) e il ferimento di altri 23 passeggeri. La presidente dell'associazione Disastro Aereo di Capo Gallo, che riunisce le famiglie dei passeggeri morti nell'ammaraggio del volo Bari-Djerba al largo delle coste di Palermo, Rosanna Albergo Baldacci, madre di una delle vittime, non ha partecipato oggi fisicamente alla cerimonia in memoria delle vittime a Parco Perotti, ma ha mandato un testo scritto che è stato letto dagli altri familiari presenti, i quali definiscono "inaccettabile" la richiesta di grazia avanzata da piloti, tecnici e dirigenti della Tuninter, condannati per disastro colposo, omicidio plurimo colposo e lesioni gravissime colpose.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento