Aiuta un'anziana a portare a casa le buste della spesa e poi la violenta: 26enne in carcere

La 73enne è al momento ricoverata in ospedale per le ferite riportate: l'uomo l'avrebbe picchiata prima del presunto stupro

Si sarebbe offerta di accompagnarla a casa per portarle la spesa e, una volta lì, l'avrebbe prima picchiata e poi violentata. Questa la ricostruzione dei carabinieri di Gioia del Colle relativa all'episodio denunciato da una 73enne venerdì scorso, finita in ospedale al Miulli per le ferite riportate durante il presunto stupro.

La ricostruzione della vicenda

Tutto sarebbe iniziato davanti ad un supermercato di Gioia dove l'aggressore, un nigeriano 26enne, era solito chiedere l'elemosima. All'arrivo della donna, secondo quanto raccontato da quest'ultima, l'uomo le ha dato una mano con le buste della spesa e insieme hanno raggiunto l'abitazione della 75enne. A quel punto sarebbe partita la violenza: prima calci e pugni, poi lo strupro. Il nigeriano poi sarebbe tornato davanti al supermercato come era solito fare ogni mattina. La donna è poi riuscita a chiamare il figlio per chiedere aiuto ed è stata trasportata da quest'ultimo all'ospedale Miulli di Acquaviva. Secondo le prime informazioni sarebbe in condizioni gravi viste le ferite riportate.

I carabinieri sono riusciti a risalire all'identità del presunto aggressore e ad arrestarlo. Il nigeriano, che sarebbe un ospite del Cara di Palese, è in carcere a Bari, accusato di violenza sessuale aggravata e lesioni personali. È in attesa che il fermo venga convalidato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale barese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • "Autovelox a Santa Caterina", la voce corre su social e smartphone. La Polstrada: "Nessuna comunicazione ricevuta"

  • Desiderate che il vostro bucato sia profumato? Tutto dipende dalla pulizia della vostra lavatrice

  • Omicidio a San Pio, proseguono le indagini sul delitto. Michele Ranieri cognato di Vincenzo Strisciuglio

  • Svaligiano appartamento di un'anziana, scatta l'inseguimento per le vie di Carrassi: presi due giovani

  • Furto notturno nella stazione di servizio: ladri in fuga dalla polizia si schiantano contro recinzione

Torna su
BariToday è in caricamento