"Facci scendere qui", ma la fermata non è prevista: botte all'autista del bus

Protagonista dell'episodio un turista barese in vacanza nel Salento: l'uomo, sul mezzo con la compagna incinta, pretendeva che il bus effettuasse una sosta non programmata. E' scoppiata la lite, sfociata in aggressione

Pretendeva che l'autista effettuasse una fermata anche se non era prevista, forse per evitare che la sua compagna incinta facesse troppa strada e si affaticasse. Al rifiuto del conducente, però, è scoppiata la lite, sfociata in aggressione. Protagonista dell'episodio, un 37enne barese, G.M.G, in vacanza in Salento. Ad avere la peggio l'autista del bus di linea, un 40enne.

Il fatto è avvenuto all’altezza della nota località di Capilungo, marina di Alliste. Ad un certo punto del percorso, su una strada provinciale, il passeggero avrebbe chiesto insistentemente al conducente di fermarsi in un punto. Lì però non era prevista alcuna fermata, e il conducente doveva quindi seguire il percorso prestabilito. Il rifiuto, però, avrebbe innescato la discussione, poi degenerata. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Il conducente del bus è stato trasportato in ospedale, medicato e poi dimesso. Per il 37enne barese, invece, è scattata la denuncia per interruzione di servizio pubblico e lesione personale. 
 

La notizia su Lecceprima.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

Torna su
BariToday è in caricamento