Il lungomare di Santo Spirito libero dalle auto: il progetto sarà firmato dallo studio Bohigas

Assegnata la progettazione preliminare degli interventi che rivoluzioneranno il waterfont del quartiere marinaro a nord di Bari e del fronte costa di Palese

Lungomare pedonalizzato, nuove pavimentazioni, rifacimento di arredi urbani e illuminazioni ma anche il rinnovamento della piazza urbana che sarà totalmente liberata dalle auto: il waterfront di Santo Spirito sarà riqualificato grazie al progetto dello studio Mbm Arquitectes Slp di Barcellona, guidato dal celebre architetto Oriol Bohigas, che si è aggiudicato la progettazione preliminare del fronte-porto e della zona antistante il lungomare Cristoforo Colombo. L'intervento fa parte del programma 'Bari da mare', predisposto dal Comune in collaboracione con Confindistria Bari-Bat e Ance Bari-Bat, per il rinnovamento di tutta la costa cittadina. L'importo delle opere per Santo Spirito è di circa 800mila euro.

lungomare santo spirito palese-2“Un pezzo dopo l’altro stiamo dando corpo alla visione condivisa con i cittadini durante la campagna elettorale, cioè quella che intende restituire il mare a Bari e ai baresi - spiega il sindaco Antonio Decaro -. Da nord a sud, stiamo progettando e realizzando interventi di riqualificazione che hanno l’obiettivo di permettere ai cittadini e ai tanti turisti, ormai sempre più numerosi, di vivere la costa. Mentre aggiudicheremo a giorni il concorso di progettazione del waterfront nella zona più antica di Bari, che prevede già un finanziamento per la riqualificazione dei moli San Nicola e Sant’Antonio e del lungomare Imperatore Augusto, stiamo lavorando senza sosta sul lungomare di San Girolamo, dove abbiamo già aperto i primi 300 metri di spiaggia, e stiamo ultimando le procedure per avviare la gara per il collegamento della spiaggia tra Pane e Pomodoro e Torre Quetta".

Decaro: "Avanti con le progettazioni per riqualificare la costa"

"Nel frattempo - aggiunge Decaro -  non ci fermiamo e procediamo con la progettazione degli altri tatti di costa, come nel caso di Santo Spirito, dove sono certo che il gruppo di tecnici guidati dall’architetto Bohigas, aggiudicatari della nuova progettazione, ci restituiranno un lavoro di altissima qualità. Questa è la dimostrazione che Bari e le nostre politiche di trasformazione urbana sono oggetto di interesse di grandi studi professionali, che negli ultimi anni hanno partecipato alla riqualificazione di tante altre importanti realtà italiane ed europee. In queste settimane, in attesa della consegna dei progetti, gli uffici saranno al lavoro per reperire i fondi utili alla realizzazione delle opere in modo da farci trovare pronti”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Il render pessimo con gli omini fantasma, le fontane da terra con bambini che giocano da soli (quando adesso non funziona nemmeno quella di Piazza San Francesco)... non aiutano a capire bene il progetto, e nemmeno quale impatto avrà su quel tratto di lungomare. Tolti i filtri degni dei social network e dell'approvazione via web, la realtà è che Santo Spirito, un semplice borgo del nord Barese invaso solo d'estate dal turismo bitontino, cambierà aspetto diventando più "moderno". E' @#?*%$vero questo quello che vogliono i residenti? Modernità senza alcun rispetto per la storia? Chiunque entri nel bar Quisigode, può fermarsi a guardare le vecchie cartoline appese ad una teca di vetro. Io (e tanti altri) mi emoziono nel constatare che le cose siano cambiate di pochissimo. Quando il luogo ha una "storia" il miglioramento non è necessariamente ostentazione del progresso condiviso sui social: "mettiamo due alberi, ricordati le aiuole con i fiori che danno un pò di colore al render, due panchine alla moda, oh anche l'acqua che a fontana sale da terra ... fa molto Parigi! Consenso assicurato!". Progresso per quello che mi riguarda è risoluzione di problemi che da trenta anni nessuno si è mai sognato di risolvere a Santo Spirito: assenza di parcheggi, di servizi, l'illuminazione da rifare, la pulizia da organizzare, l'asfalto, la messa in sicurezza di alcune zone del lungomare, il NON essere comp@#?*%$nte abbandonati dai trasporti (mai in orario, corse che saltano... quando arrivi alla fermata, vedi le donne guardare verso i campanili della chiesa e fare il segno della croce, ma nemmeno quello serve, perché se sei fortunato aspetti 5 minuti, se non lo sei anche più di un'ora)...e tanti altri... Basterebbe una semplice indagine sociologica per constatare. Non sono una di quelle persone che ama criticare senza essere costruttiva, ma direi che, pedonalizzare un tratto di costa ed abbellirlo quale scopo esattamente dovrebbe avere? Ai residenti Santo Spirito piace così come è, vorremmo miglioramenti, non cambiamenti. PS: mi sa che si sono dimenticati la pista ciclabile del bici-plan in questo progetto :D

  • Abbiamo un sig. Sindaco superlativo, come tutto il centro-sinistra ke lo sostiene

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sei ore d'interrogatorio dal gip per Giancaspro. Il legale: "Ha risposto a tutte le domande"

  • Attualità

    Papa Francesco torna in città, l'annuncio della Diocesi: "Sarà a Bari a febbraio 2020"

  • Cronaca

    Associazione mafiosa, droga, armi: al via processo ai clan Capriati e Diomede-Mercante, 90 imputati

  • Attualità

    Strade allagate, marciapiedi e rampe sott'acqua dopo il nubifragio. Vigili salvano automobilista in via Buozzi

I più letti della settimana

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri: 32 arresti a Modugno

  • Pesciolini d'argento in casa: cosa sono e come difendersi

  • Operazione antidroga a Modugno: i nomi degli arrestati

  • Traffico di droga sull'asse Verona-Bari: colpita 'cellula' del clan Di Cosola, 19 arresti

  • Approvato il piano assunzionale 2019 in Regione: previsti 416 nuovi contratti

  • L'autista cade dal tir e il mezzo prosegue la sua corsa: inseguimento da film sulla A14

Torna su
BariToday è in caricamento